La storia. Vittorio cerca una donna che corrisponda al suo ideale. Attraverso un annuncio incontra Sonia, una ragazza dolce, simpatica, intelligente, ma che pesa 57 chili…Troppi. Lui, che di mestiere fa l’orafo, vorrebbe modellare il suo corpo e la sua mente come il fuoco fa con l’oro dei suoi gioielli.

Il cast. L’inquietante Vittorio, interpretato da Vitaliano Trevisan, attore nonchè scrittore e coautore della sceneggiatura, ricerca la perfezione nella magrezza estrema di corpi femminili che scolpisce nell’oro; è per questo che modellerà la sua fidanzata attraverso il peso, imponendole il digiuno e nutrendola del suo solo amore.
Sonia, è interpretata da Michela Cescon, che veste i panni della vulnerabile e dipendente amante-sottomessa. Sonia vuole piacere a tutti i costi all’uomo che è convinta di amare; mentre prima posava come modella per i ritrattisti dell’Accademia, ora si trova a farsi passivamente ridisegnare dal suo folle amante fino a modificare le proprie forme ed profili.

L’ambientazione. Vicenza, terra di tradizioni orafe, è il teatro dell’incontro tra due sconosciuti bisognosi di affetto che dopo un appuntamento al buio si ritrovano legati in un pericoloso gioco d’amore e desiderio. L’orafo Vittorio lega a sè la fragile Sonia modellandola secondo un ideale anoressico di bellezza. Si crea così una dipendenza fisica e psicologica che porterà Sonia a perdere, oltre ai quindici chili, gli equilibri di una vita normale.

Primo amore (Italia, drammatico, durata 100’) sarà proiettato martedì 30 marzo presso il cineteatro Calabresi; l’inizio dello spettacolo è previsto per le 21,30. Il costo del biglietto è di euro 4,50 e l’ingresso è riservato ai soli soci FIC, la cui tessera, valida per tutte le successive proiezioni, è acquistabile al botteghino al costo di euro 7.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 144 volte, 1 oggi)