‘La sinistra spreca, i lavoratori pagano’. Così recita il manifesto che presto sarà affisso in città da Alleanza Nazionale per denunciare il caso gli aumenti indiscriminati all’addizionale IRPEF imposti dalla Giunta D’Ambrosio. Sull’argomento si è svolta questa mattina una conferenza stampa convocata dai vertici del partito. “Sono qui per denunciare l’ennesimo spreco di denaro della sinistra- accusa il consigliere regionale Guido Castelli- pagato caro dai cittadini marchigiani. Nel 2003 la Giunta D’Ambrosio ha applicato, infatti, aumenti indiscriminati all’addizionale regionale Irpef, estendendo in modo del tutto illegittimo la normativa statale prevista esclusivamente per l’anno precedente”.

“L’art. 4 co. 3/bis del D.L. 347/01 consente solo per il 2002 di applicare aumenti di aliquota superiori allo 0,5%, rispetto allo 0,9% fissato per legge, per coprire i disavanzi della sanità” spiega l’esponente di AN. “Ora, tutti conosciamo il buco pauroso generato dalla Giunta D’Ambrosio per la spesa sanitaria marchigiana. Ebbene, per far fronte a questa voragine l’esecutivo ha pensato bene di confermare anche per il 2003 la super stangata. Tali aumenti ingiustificati hanno fruttato alle casse regionali 45 milioni di euro circa. A fare le spese di questa palese irregolarità sono stati i cittadini con un reddito oltre i 15.493 euro lordi”.

“In base a queste considerazioni- prosegue Castelli- è proponibile un’azione di recupero delle maggiori addizionali pagate. Il gruppo consiliare regionale di Alleanza Nazionale ha deciso di fornire assistenza gratuita ai cittadini colpiti ingiustamente da questi aumenti indiscriminati. Ciò avverrà sia in fase di istanza di rimborso sia in sede di commissione tributaria. Chiunque vorrà recuperare il proprio denaro, potrà contattare la federazione provinciale di AN o telefonare al numero 071/2298327 oppure visitare il sito www.an-ascolipiceno.it.

Sulla vicenda c’è da registrare anche l’intervento del presidente del consiglio comunale De Vecchis: “E’ bene ricordare che i cittadini marchigiani sono i più tartassati d’Italia. Basta dare un’occhiata alla tabella relativa all’addizionale regionale IRPEF 2002. L’aliquota più alta è fissata al 4%, un aumento spropositato rispetto a quelli applicati nelle altre regioni”. Lapidario il commento del capogruppo provinciale di AN, Pasqualino Piunti: “Il sud delle Marche paga ancora una volta gli sprechi della sanità anconetana, senza peraltro ottenere in cambio servizi adeguati”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 163 volte, 1 oggi)