In una settimana i ragazzi di Teodori hanno dovuto tenere testa a due insidie di primo ordine. In parte il Porto d’Ascoli ci è riuscito se non fosse stato per il giudice di gara un po’ pro avversario o condizionato dall’intensità della gara. I biancocelesti hanno recuperato mercoledì scorso l’incontro della settima di ritorno contro la prima classificata ovvero la Vis Carassai. Una partita a ritmi blandi dove l’avversario è riuscito ad imporsi grazie a due reti irregolari che l’arbitro non ha ravvisato (uno in fuorigioco, l’altro una carica sul portiere). Comunque il Porto d’Ascoli non ha gettato la spugna. Si è armato di coraggio, di tanta rabbia agonistica per l’incontro del sabato seguente dove ad aspettarlo c’era la Futura. Tensione sempre tenuta allerta per mantenere viva la voglia di vittoria.

La partita con la seconda della classe in casa propria, terminata in pareggio (2-2), è stata un vero e proprio big-match. Il Porto d’Ascoli ha tirato fuori tutto il carattere di squadra, tutto l’ardore che può esserci in un incontro di calcio. E lo spettacolo, le emozione che ci sono state ne sono la dimostrazione. Passano sotto di una rete ma non c’è problema, sanno rimontare. Fanno di più, vanno in vantaggio poi il direttore di gara decide di farsi vedere anche lui così sbandiera diversi cartellini gialli all’indirizzo dei soli giocatori di Teodori. Ma la trovata più clamorosa è il gol convalidato agli ospiti quando in evidenza c’erano un fallo sul portiere e una gomitata ad un centrocampista nella stessa azione. La gara è terminata con le proteste dei dirigenti del Porto d’Ascoli che, dopo l’ennesima direzione dubbia, hannp alzato la voce. A farsi sentire è il dg Calvaresi che dice basta ai tanti torti subiti facendo riferimento al recupero con la Vis Carassai (oltre al fatto che hanno saputo della ripetizione solo 48 ore prima) e al gol del pareggio della Futura avvenuto irregolarmente.

I dirigenti del Porto d’Ascoli sono stanchi di ricevere questi trattamenti.

Sabato prossimo altra partita importante contro la Stella (quinta in classifica), distante solo tre lunghezze dal Porto d’Ascoli. Stella si è mostrata una delle squadre più in forma e meglio organizzate a livello di struttura di gioco. Bisognerà prestare particolare attenzione agli ex, tra cui Luca Troiani che ha già segnato nella gara di andata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 114 volte, 1 oggi)