“La Regione si è concentrata sul progetto formativo dell’esperto nella gestione di aiuti umanitari e delle emergenze, investendo le risorse necessarie, perché le Marche sono impegnate, a livello internazionale, per lo sviluppo della cooperazione.? Così ha aperto l’assessore Ugo Ascoli il convegno che ha illustrato il Progetto Interregionale finalizzato alla formazione di persone che svolgeranno l’importante ruolo di “Peacekeeper?. Gli allievi che parteciperanno al corso di formazione per Mediatore/Mediatrice di pace, – ha sottolineato Ascoli – inoccupati e disoccupati, in possesso di laurea o diploma, con ottima conoscenza della lingua inglese, saranno in grado, un domani, di intervenire in situazioni di conflitti e di crisi, in ambito locale, nazionale ed internazionale.? Al progetto formativo partecipano, oltre la Regione Marche, la Provincia Autonoma di Bolzano, la Regione Umbria, la Regione Valle d’Aosta, la Regione Piemonte e la Regione Campania. La comunicazione, il dialogo, la mediazione, la ricerca del consenso sono gli strumenti necessari che permetteranno, ai professionisti della pace, di ridurre le tensioni e favorire la risoluzione pacifica delle controversie. Questi operatori, che fungono da interfaccia fra le parti del conflitto, grazie alle competenze relazionali e alle capacità interculturali, particolarmente sviluppate, sono in grado di gestire le varie e delicate fasi conflittuali. Un abile analista dell’area interessata alla crisi, attento alle dinamiche politiche del contesto in cui opera e pronto nel fornire risposte operative per fronteggiare le emergenze. Grazie alle competenze socio-psicologiche e socio-antropologiche, acquisite con 800 ore di corso, i Peacekeeper saranno in grado di muoversi nella mediazione per la tutela e la promozione della pace, operando a favore della comprensione e accettazione delle diversità etiche, religiose e culturali. La qualificazione di tale profilo professionale innovativo appare estremamente importante e strategica per la Regione Marche, che ha maturato una lunga e qualificata esperienza di intervento nei processi di cooperazione internazionale e di ricostruzione post bellica. Con tale progetto, si pongono, quindi, i presupposti per qualificare ulteriormente l’intervento delle innumerevoli organizzazioni umanitarie marchigiane, mettendo a loro disposizione professionalità del settore. Attualmente possono presentare la domanda le strutture formative, pubbliche e private, che risultino accreditate presso la Regione Marche.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 88 volte, 1 oggi)