Quando nel Gennaio 2004 le comunicarono che avrebbe partecipato al Festival di Sanremo ha vissuto il coronamento di un sogno, di una vita spesa a proporre la sua splendida voce sui palchi di mezza Italia. Nonostante ciò, chi conosceva Linda Valori, avrebbe giurato che la sua partecipazione al Festival di Sanremo non sarebbe avvenuta per onor di firma. Detto, fatto: proprio ieri sera, quando alle ore 23 Simona Ventura ha annunciato il primo posto di Linda nella classifica provvisoria dei cantanti in gara, si è avuta la netta sensazione che la cantante di casa nostra, che sino a pochi giorni fa appariva alla gente ed alla critica come un’illustre sconosciuta, nota solo per essere, insieme a Veruska, l’unica presenza femminile al Festival 2004, aveva fatto strada nei cuori della gente.

Merito sicuramente della sua voce, unica ed irripetibile nel panorama musicale italiano, degna di essere accostata alle grandi cantanti americane del passato dalla pelle nera. Merito anche del brano proposto a Sanremo, “Aria sole terra e mare?, un inno alla gioia di vivere e ad un mondo senza guerre, del quale Linda è anche autrice. Un brano che la cantante di casa nostra ha interpretato con il piglio di una veterana, pienamente degna di calcare il palco più importante della musica italiana. A qualunque esordiente sul palco dell’Ariston, dinanzi a dieci milioni di telespettatori, sarebbero tremate le gambe e la voce, così come è realmente accaduto per alcuni suoi colleghi. Nessuna paura, invece, per Linda che sul palco ha espresso al meglio le sue qualità canore, con una grinta che non è apparsa inferiore a quella di Adriano Pappalardo ed ha suscitato (cosa rara, se non per i pezzi puramente tradizionali) la standing ovation del pubblico in sala. Quello che è apparso in tv, è stato poi pienamente confermato dalle dichiarazioni della stessa artista dopo l’esibizione della prima serata, una voce fuori dal coro tra tante dichiarazioni preconfezionate: “L’esordio a Sanremo? Nessuna emozione, anzi, mi sono divertita tantissimo?. Caspita, che personalità!

Ma chi è Linda Valori, la vera rivelazione dell’edizione 2004 del Festival di Sanremo?

Nata a San Benedetto del Tronto ventisei anni fa da madre rumena e padre italiano, Linda è una cantante che si è fatta da sé. Ha cominciato ad esprimere il dono naturale di una voce fuori dal comune nel garage di casa sua, ascoltando e cantando sopra la musica gospel di Etta James. Dopo aver conosciuto Vittorio Ciarrocchi, impresario musicale locale, è iniziata la sua carriera musicale, costellata da alcuni importanti successi. Nel 1995, infatti, ha vinto il premio della critica al Concorso nazionale “Una nuova voce italiana? a Milano. Nel 2000, contravvenendo al detto “nessun profeta in patria?, ha vinto il Concorso Nazionale “Voci nuove? a San Benedetto del Tronto, ricevendo il diritto di partecipare al Festival di Castrocaro 2001. Nel 2002 ha vinto il premio “Mia Martini – Giovani per l’Europa? a Bagnara Calabra. Una carriera in crescendo, insomma, quella di Linda, che nel corso degli anni ha saputo affinare e migliorare le proprie qualità canore studiando canto.

In tutti questi anni in giro per l’Italia Linda non ha certo dimenticato il legame con la propria terra di origine; vive, infatti, ancora in una grossa casa nelle campagne picene con i genitori e due sorelle, nella quale può coltivare la sua grande passione per gli animali. Possiede infatti, oltre ad un cane ed un furetto, ben 17 gatti e 72 tartarughe! Per il resto, nonostante il fisico non propriamente longilineo, Linda ama molto lo sport. Tifosissima dell’Inter e della Samb (assieme alla cugina e ad altri familiari segue quasi sempre la Samb nelle partite casalinghe, e non solo), ha vissuto la passione per il calcio anche in prima persona, giocando nella squadra femminile del Pagliare, dove ha ricoperto il ruolo di portiere.

Quello che emerge dalle notizie che si hanno della sua vita privata e dalla sua partecipazione a Sanremo è quindi il quadro di una persona dalla grande carica umanitaria, caratteristica che l’artista riesce perfettamente a comunicare attraverso la sua presenza scenica e le parole del suo pezzo sanremese. Ne citiamo alcune: “spengo quel fuoco di guerre e ideali, gioco e non mi faccio male […] Danzo poi canto con vino e atmosfera, da mattino fino a sera. Questa è la vita, la voglio godere…?.

Ci avevano presentato questo Festival di Sanremo, come il Festival degli sconosciuti o, più ottimisticamente, delle voci emergenti. Non ce ne vogliano i fans di Peppino Di Capri e Mino Reitano, ma se le voci nuove sono quelle di Linda ben vengano le novità. Tra l’altro, in un mondo in cui per affermarsi conta più di tutto apparire, il messaggio lanciato dalla presenza di Linda a Sanremo è forte e chiaro: non occorre avere il fisico di Britney Spears per affermarsi musicalmente, bastano le qualità artistiche ed una grande volontà di arrivare. Linda lo ha dimostrato e speriamo che ciò dia il coraggio di andare avanti a tanti piccoli, bravissimi artisti, che come lei coltivano il sogno di diventare un giorno famosi.

Se davvero Linda vincesse a Sanremo, avrebbe vinto la musica…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 178 volte, 1 oggi)