Purgatorio

Elezioni provinciali

Per carità, sono una cosa seria (anche se la Provincia è un ente un po’ strano, percepito dai cittadini come fine a se stesso). Questo è il periodo in cui si formalizzano le candidature: e i nomi si sprecano. Quello che non piace è il metodo di scelta dei candidati presidenti: vecchio, antico, ancora “Prima Repubblica”: destra, centro, sinistra, sopra o sotto, tutto si svolge tra riunioni di partito e pettegolezzi giornalistici. Non si capisce se il candidato sarà il più bravo tra i possibili o se si sceglierà quello più capace di domare le correnti e i correntoni partitici. In America ci saranno tanti difetti, ma almeno hanno le primarie. Imparate gente, imparate…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 73 volte, 1 oggi)