“Avvilenti e preoccupanti?, così l’assessore Marco Lorenzetti definisce le proteste dei due quartieri cittadini Paese Alto e Ponterotto, in ‘rivolta’ contro l’Amministrazione comunale per la dismissione degli edifici scolastici ‘Borgo Trevisani’ e ‘Castello’.

“Slogan laceranti come ‘lutto cittadino’- sostiene l’assessore- ricordano alla città grandi tragedie reali e non virtuali di chi oggi invece le usa per mera lotta politica?. Lorenzetti difende le scelte dell’Amministrazione e rilancia: “La maggioranza del governo cittadino non ha ingannato ma confermato strategie finanziarie ben delineate dai programmi amministrativi. Le vecchie scuole saranno sostituite da altre più moderne ed efficienti per il futuro dei nostri figli. I cattolici impegnati in politica sottolineano sempre e comunque i lati positivi come l’inaugurazione entro l’estate della nuova scuola per il Ponterotto e Paese Alto, che sostituirà le vecchie scuole Borgo Trevisani e Castello, con 3000 mq di aule con una palestra di m 24 x 18 e ospiterà 356 alunni circa 100 per la materna e 256 per le elementari oltre che con la disponibilità di nuovi 172 posti auto?.

Chiarita la questione ‘scuole in vendita’, l’assessore promette, ritocchi ‘sostanziosi’ all’arredo cittadino: “La prossima settimana la Giunta approverà l’ulteriore stanziamento di 400.00 euro per l’acquisto di nuovi arredi, secondo le norme vigenti, come il rifacimento di Via Bernini, Via Fileni, Via Marradi, Via Marinuccia, la chiusura del vecchio mattatoio, la riapertura al pubblico del Torrione, l’inizio dell’asfaltaura delle strade di Via Manara, Via Forche Canapine, Via Colle Franchino, la nuova linea di fognatura in Via Della Resistenza attesa da 10 anni, la bonifica e la riqualificazione dell’ex discarica e tanto altro?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 223 volte, 1 oggi)