Marinangeli (F.I.): “Abbiamo avuto rassicurazione del comune di Ascoli che presto arriverà la delibera di accettazione del comune di Offida nel C.U.P. Non credo che potremmo ottenere di più con un intervento ricattatorio.”

Felicetti (P.R.I.): “Nessuno sa che c’è il consiglio comunale, vedo pochissime presenze. Che dobbiamo fare? Dobbiamo cercare di comunicare e coinvolgere il più possibile. Tornando all’argomento: ma siamo sicuri che questa sia l’ipotesi migliore per l’università a San Benedetto? Mi sembra che dovremo pagare all’incirca 100.000 euro per tanti anni, forse venti. Io una trattativa l’avrei fatta: con il comune di Offida, al quale diamo un immobile di notevole valore, e anche con la provincia. Occorreva una conclusione meno onerosa per noi, perché alla fine al comune di San Benedetto non resterà nulla. Forse è il caso, signor sindaco, che per il futuro ci si dia delle delibere di indirizzo sulla quale l’amministrazione deve lavorare. Mi sento svilito, offeso ed espropriato da questa funzione tipica dei consiglieri comunali. In questi casi, se potremmo lavorare in trenta invece che in tre, di solito arrivano soluzioni migliori. Anche in altre situazioni non ci sono chiarezze: ad esempio sul casinò non sappiamo ancora come la pensa il consiglio comunale.”

De Vecchis, presidente del consiglio comunale, precisa che in città sono sempre affissi manifesti che illustrano sullo svolgimento dei consigli, seppur in formato A3.

Galiè (A.N.): “Dobbiamo essere contenti perché sempre più si avvicina l’apertura di una facoltà come economia e commercio, di notevole spessore. Inoltre dico: è vero che valorizziamo un immobile che non è di nostra proprietà, ma è anche vero che in questo modo riqualifichiamo non solo l’immobile ma l’intero quartiere. Credo che sia una grossa operazione, anche perché viene pagata quasi interamente dalla provincia. Rispetto a quello che diceva Gaspari, io non farei un ricatto al comune di Ascoli, ma farei un applauso al C.U.P. per come sta lavorando per San Benedetto, cosa che magari in passato non avveniva con tanta incisività.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 85 volte, 1 oggi)