Taranto squadra e Taranto città sono due realtà che, storicamente e potenzialmente, meriterebbero ben altre situazioni rispetto a quella che la città ionica sta attraversando adesso. La Curva Nord dello stadio Jacovone è apparsa desolatamente vuota, per protesta nei confronti della società guidata da Pieroni, il patron dell’Ancona (nonostante alcuni striscioni polemici contro la società tarantina, gli ultras del Taranto hanno salutato con due striscioni i 350 tifosi della Samb e anche Massimo “Cioffi? Bruni, il tifoso della Samb tutt’ora ricoverato in ospedale). Il “degrado? sportivo e societario di Taranto si ripercuote poi su tutte le decisione che orbitano attorno al Taranto Calcio: oggi ai cancelli di ingresso dello Jacovone siamo stati vessati dalle invenzioni di un addetto della società, che ha costretto quattro giornalisti sambenedettesi a pagare il biglietto solo perché l’Ordine dei Giornalisti delle Marche non ha ancora inviato la ricevuta di pagamento per l’iscrizione del 2004 – mentre a qualcuno, pur se deciso ad acquistare il biglietto dopo quaranta minuti sotto la pioggia, l’accesso sarebbe stato consentito “solo se lasciate fuori la macchina fotografica e il computer?. Personalmente, sono stato costretto a sedere in mezzo ai tifosi tarantini che, nel momento più caldo dell’incontro (espulsione di Cottini e Triuzzi), hanno cominciato ad inveire contro di me, arrivando a prendere ad ombrellate il mio computer. Ho dovuto chiudere tutto e rifugiarmi altrove…Cose dell’altro mondo.

In sala stampa, poi, silenzio assoluto: non parlano i giocatori della Samb (fra poco saranno quattro mesi), non parlano i giocatori del Taranto (decisione autonoma). Non resta che ascoltare le opinioni dei giornalisti tarantini, non prima di aver notato l’abbandono della stessa sala stampa (disordine, poca pulizia). Tempi duri per i giornalisti!

Luca Chianura (Quotidiano Roma): “Tutto sommato si tratta di un punto guadagnato, come avrebbe detto Gianni Brera, in un clima da tregenda. Il Taranto ha fatto dei progressi rispetto alle ultime gare, compresa la vergognosa prestazione di Martina. È mancato il gol e l’avrebbe meritato, la Samb in pratica non ha mai superato la metà campo, e adesso il Taranto deve affrontare due difficili trasferte a Benevento e Giulianova. La Samb è una buona compagine, che è con merito prime posizioni in classifica. Oggi comunque mi sarei aspettato qualcosina in più. Il Taranto non potrà programmare il suo futuro se non riesce a migliorare la sua situazione societaria!?

Fulvio Paglialungo (Corriere del Giorno): “Il pareggio tutto sommato è giusto, il Taranto ha fatto qualcosa in più ma qualsiasi altro risultato non sarebbe stato corretto. Il Taranto ha giocato meglio rispetto alle ultime partite perché ha cambiato uomini e formazione. Per la Samb, considerando la situazione odierna, questo è un punto d’oro: io l’ho vista giocare altre volte e mi è piaciuta di più. È una formazione dotata di buone individualità ma non si è visto un buon gioco collettivo?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 111 volte, 1 oggi)