La Regione Marche ha partecipato alla Fiera internazionale del turismo (Fitur 2004) di Madrid. Dopo Berlino e Londra, insieme alla Bit di Milano, la Fitur è la terza manifestazione espositiva più importante d’Europa. Oltre agli operatori turistici spagnoli, è particolarmente seguita dai portoghesi, francesi, tedeschi e inglesi: tutti mercati di grande interesse per il turismo marchigiano. Dal 28 gennaio al 1° febbraio, lo stand della Regione ha accolto numerosi visitatori e operatori turistici. Un interesse che ha confermato l’attenzione degli spagnoli verso le Marche: nel 2003 gli arrivi sono cresciuti del 4,11% e le presenze del 6,9%. A fronte di un incremento di 2.880 turisti spagnoli venuti nelle Marche, i pernottamenti sono aumentati di 44 mila giornate. Risultati positivi, che possono essere incrementati ancora con l’aiuto del volo diretto “Barcellona – Falconara? e con l’attenzione crescente che la stampa spagnola sta dedicando alle Marche.

“Il turismo spagnolo – sottolinea l’assessore Lidio Rocchi – apprezza l’offerta religiosa e culturale delle Marche. È attratto, in particolare, dall’atmosfera dei piccoli borghi, dal designer industriale e dallo shopping nei distretti calzaturieri e della moda. Anche il turismo balneare risulta interessante per questo mercato. Conferme che abbiamo verificato nel corso della Fitur 2004, insieme alle potenzialità espresse dall’aeroporto di Falconara. Il volo diretto fa affluire nelle Marche un flusso crescente di viaggiatori; una quota dei quali, poi, riparte, per altre destinazioni nazionali. La sfida è quella di riuscire a trattenere nella regione percentuali sempre maggiori di turisti, con pacchetti in grado di soddisfare esigenze e curiosità di questo mercato in costante crescita?. Le premesse per programmare un buon lavoro sono state confermate dall’attenzione riservata alle Marche, nel corso delle Fiera di Madrid. La Regione ha, perciò, deciso di partecipare anche alla prossima manifestazione di Barcellona (dal 21 al 25 aprile) per sfruttare il momento favorevole, valorizzando il collegamento aereo diretto con Falconara. Per Barcellona è stato programmato un work shop con gli operatori spagnoli e un incontro con la stampa specializzata. Questa iniziativa sarà svolta in collaborazione con l’Enit, i rappresentati dell’aeroporto di Falconara e con gli operatori turistici marchigiani. Nel mese di marzo, inoltre, verrà realizzato un educational tour di giornalisti spagnoli nelle Marche. “Una grande opportunità – ha concluso Rocchi – che gli operatori turistici marchigiani devono sfruttare, partecipando alle iniziative promosse dalla Regione e predisponendo pacchetti turistici in grado di soddisfare la domanda che proviene della penisola iberica. (r.p.)

Renzo Pincini

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 110 volte, 1 oggi)