Si è svolta in mattinata la conferenza stampa di presentazione del concerto che gli Stadio terranno al Palacongressi di San Benedetto venerdì 23 gennaio. Erano presenti il cantante degli Stadio nonché leader e frontman del gruppo emiliano, Gaetano Curreri, l’assessore alla cultura del comune di San Benedetto Gabrielli e l’organizzatore dell’evento Roberto Rossi della Symbol Show.

“Sono legato a San Benedetto anche dai ricordi di alcune vacanze estive – ha detto Curreri – e devo dire che in questa città mi trovo sempre bene: difatti è un po’ di giorni che siamo qui a provare per il nostro nuovo tour quasi mondiale, che toccherà anche Argentina, Cile e Uruguay. Partiremo da San Benedetto, dove lo scorso anno, in concerto, fummo sommersi dall’entusiasmo.”

Il titolo del nuovo tour è Storie e geografie tour, dal titolo del loro ultimo doppio album che ha conquistato da poco il disco d’oro: “Stiamo bissando il successo del precedente Occhi negli occhi. Il nostro ultimo disco è fra le prime venti posizioni di classifica dei dischi più venduti da ben dodici settimane.”

Stadio come ultimo baluardo della genuinità, verrebbe da pensare ascoltando Curreri. “Non siamo personaggi, meno che mai personaggi televisivi: puntiamo sulla buona musica, su un rapporto umano legato alla terra, alla geografia, e alle nostre canzoni.”

Curreri ha polemizzato contro l’attuale sistema dello show-business: “Ci sono tanti gruppi importanti adesso come agli inizi degli anni Ottanta: ma la televisione non ce li farà conoscere, per cui mi appello molto alle radio, anche se so che i loro palinsesti spesso sono compressi da logiche economiche e commerciali”. Fra i gruppi che Curreri ha citato, della nuovissima onda, ricordiamo Le Vibrazioni, ma anche gli ancora non esordienti Il Nucleo e Elettromoka. Senza dimenticare i riferimenti inglesi più attuali: gli inarrivabili Coldplay (concordiamo)

Le origini degli Stadio sono molto legate a Lucio Dalla, che tra l’altro spinse Curreri ad intraprendere la carriera di cantante piuttosto che quella meno appariscente di tastierista. Il gruppo è comunque figlio di quella fetta di Emilia che, in fatto di musica leggera, ha partorito alcuni fra i migliori talenti pop degli ultimi decenni: oltre al “mentore” Dalla, anche Carboni, Guccini, Vasco Rossi. Ma ultimamente gli Stadio stanno collaborando anche con gli Articolo 31.

Durante il concerto (inizio ore 21:30), Curreri, il quale ha apprezzato il Palacongressi, ha affermato che suoneranno “se non tutte le nostre canzoni, tantissime.” La prevendita sta andando bene: in pratica sono già esauriti i posti numerati, mentre sono disponibili circa 250 biglietti del settore non numerato (euro 15 più prevendita).

L’assessore Gabrielli ha sottolineato che giovedì, alle ore 17, i ragazzi delle scuole superiori di San Benedetto del Tronto si recheranno al Palacongressi per vedere le prove degli Stadio ma anche per parlare e discutere con Curreri e gli altri componenti della band.

Per informazioni 0733.8659994

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 100 volte, 1 oggi)