Luigi Cassano (di Crotone, sposato con una sambenedettese): “Il Crotone mi è piaciuto, è stata una bella partita con un Crotone che ha fatto qualcosa di più in attacco, ma le difese si sono comportate bene. La Samb la seguivo ai tempi di Serie B, nelle amichevoli estive e ai tempi del Ballarin. Ma ancora adesso trovo un ambiente caloroso allo stadio, con la Curva che è sempre la stessa”.

Francesco Maroni: “Nel primo tempo ho visto una Samb volenterosa e combattiva. Se Zerbini segnava il rigore la partita prendeva un’altra piega, ma i valori attualmente a disposizione sono questi, bisogna accontentarsi. Chi dovrebbe fare la differenza mi sta invece deludendo, come Martusciello. Questa è una partita particolare, ci sono giocatori nervosi come Zerbini. Il Crotone poi è una squadra insidiosa. Diciamo che siamo in una fase di transizione in attesa degli eventi.”

Claudio Libbi: “Il primo tempo della Samb è stato abbastanza buono, Martusciello non è andato bene. Il Crotone in attacco ha buoni elementi, speriamo bene per la Samb, dopotutto giochiamo sempre in casa.”

Enrico Stoppa: “Nel primo tempo si è fatto ben poco. Il Crotone giochicchia. Ma è stato sbagliato far tirare il rigore a Zerbini”.

Rino Menzietti: “Il blocco del traffico attorno allo stadio è assurdo, soprattutto in partite come questa quando la rappresentanza di tifosi avversari è insignificante. Sembra un dispetto di qualcuno e chi di dovere dovrebbe approfondire. Ma chi è che prende queste decisioni? Sabato scorso c’erano solo quattro carabinieri a Centobuchi a presidiare l’amichevole con l’Ascoli: ma vi pare possibile? Invece oggi, per una partita tranquilla e con questo freddo, di notte, siamo dovuti andare a piedi.”

Marco Collina: “Trillini ha rischiato poco i giovani: doveva fare entrare N’Tamack e Cazzola perché avevamo bisogno di forze fresche. Forse avremmo perso lo stesso ma almeno avremmo avuto la possibilità di far crescere dei giovani.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 163 volte, 1 oggi)