La Giunta regionale ha adottato un provvedimento con il quale sono stati concessi i finanziamenti ai Comuni delle Marche per le borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l’istruzione. I finanziamenti – complessivamente 2 milioni e 830 mila euro- sono relativi all’anno scolastico 2002/2003 e destinati a 12.847 studenti marchigiani della scuola elementare, media e secondaria superiore. In particolare sono 4345 appartenenti alle scuole elementari, 4199 alle medie e 4303 alle superiori

La Borsa di Studio non e` legata al merito scolastico, ma alle disagiate condizioni economiche delle famiglie degli studenti delle scuole statali e paritarie per la spesa che la frequenza scolastica comporta e comunque non per la spesa dei libri di testo che e` oggetto di specifici contributi. Sulla base dei criteri adottati il contributo e` differenziato a seconda del grado della scuola se elementare, media e superiori e cosi` anche gli importi massimi riconosciuti: 353 euro circa nella scuola superiore, 235 euro alle medie e 117 euro alle elementari.

Rispetto all’anno scolastico precedente si e` registrato un aumento considerevole di studenti che hanno richiesto i benefici previsti dalla L. 62/2000. Infatti sono stati 4.142 gli studenti in piu`, aumento che corrisponde ad una percentuale del 47,58% in rapporto all’anno precedente (2001/2002) quando in totale erano 8705.

Il maggior numero di domande e` giunto dalla provincia di Ascoli Piceno con 4.490, seguito da Pesaro Urbino con 3.530 domande, quindi Ancona con 2.530 domande ed, infine, Macerata con 2.297 domande. Per essere ammessi ai benefici gli studenti devono essere residenti nel Comune, frequentare una scuola statale o paritaria elementare, media e superiore, documentare una spesa per l’istruzione di almeno ‘ 51,65, che comprende frequenza, trasporto, mensa, sussidi e materiale didattico o strumentale. Il nucleo familiare, secondo gli indicatori della Situazione Economica (requisiti ISEE) deve rientrare nel tetto massimo di ‘ 10.632,95 nel 2001.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 134 volte, 1 oggi)