“Si tratta del quarto anno di gestione da parte della Regione dei fondi comunitari – ha commentato Luciano Agostini – e continuiamo nell’attività di incentivazione delle misure che privilegiano la crescita e qualificazione del settore, che assume un’importanza anche a livello nazionale, visto che le Marche sono la terza marineria, dopo Sicilia e Puglie. Quest’anno, per la prima volta, dopo una serie di chiarimenti con Bruxelles e il Ministero, è stata inserita anche una Misura per la piccola pesca, che rappresenta una fetta importante della nostra realtà regionale.?
L’assessore ha ricordato che la Regione ha anche predisposto una proposta di legge, che è ora all’ordine del giorno della competente commissione e che ha le caratteristiche di essere una legge di indirizzo e “leggera?, visto che gli interventi vengono rimodulati con lo strumento del Piano annuale. Una legge che attua lo spirito del Federalismo previsto nel nuovo Titolo V della Costituzione.
Le Misure interessate ai Bandi sono sette e precisamente:
o ACQUACOLTURA E MARINOCOLTURA – Imprese private. Contributo al 40%.
o ATTREZZATURE DEI PORTI DI PESCA – Enti locali e pubblici, imprese di pesca. Contributo dal 40 all’80%.
o TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE – Imprese private e soggetti pubblici per le iniziative che riguardano i mercati ittici. Contributo al 40%.
o PICCOLA PESCA COSTIERA – Si tratta di un premio aggiuntivo forfetario per le imprese di piccola pesca, che hanno ottenuto o richiesto un contributo per interventi di tipo associativo, di interesse collettivo su un’altra Misura.
o PROMOZIONE PESCA E ACQUACOLTURA – Imprese, associazioni di categoria, organizzazioni di produttori, enti pubblici. Contributo dal 40 al 100%.
o AZIONI REALIZZATE DAGLI OPERATORI DEL SETTORE – Organizzazioni di produttori.
o AZIONI INNOVATIVE – Consorzi e associazioni di imprese, enti pubblici. Contributo al 70%.
Va ricordato che, oltre ai Fondi dello SFOP, verrà presto attivato, non appena ci sarà la notifica di Bruxelles, anche un altro Bando, che è già stato approvato dalla giunta, per un importo di 1 milione e 155 mila euro,: si tratta di una Misura sempre per l’AMMODERNAMENTO DEI PESCHERECCI, ma particolarmente rivolto alla piccola pesca e per piccoli interventi, soprattutto per la sicurezza a bordo. Questa Misura prevede un Contributo al 40%.
Sull’utilizzo dei fondi comunitari, le Marche si sono posizionate ai primi posti, sono partite subito dopo il trasferimento delle competenze con le Bassanini e hanno impegnato circa il 60% delle risorse.
I Bandi SFOP sono stati pubblicati sul BUR 112 del 3 dicembre (deliberazione 1570/2003) e sono consultabili sul sito www.pesca.marche.it (e.r.)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 248 volte, 1 oggi)