Un Chieti da rigore
Sono dovuti trascorrere quindici mesi prima che la squadra di Florimbi potesse usufruire ancora di un penalty. Seccato dal sole, gelato dal freddo, il dischetto del Chieti si presentava così da un anno a questa parte. Fino a quando la gara interna con il Sora non ha fatto rispolverare quella rincorsa dagli undici metri. Non una, ben due volte. Una gara giocata con grande intensità da ambo le parti, un fioccare di occasioni culminate in un valzer di rigori. Ad aprire le danze sono stati i padroni di casa del Chieti a soli cinque minuti dal fischio iniziale, Funari commette fallo su Quagliarella. L’arbitro indica il dischetto, Califano non sbaglia. Il Sora non stordito dallo svantaggio prende possesso del centrocampo e allo scadere del 45′ pareggia i conti con Billio su un altro penalty. Una ripresa in cui nessuna delle due formazioni riesce a segnare su azione. Un difensore sorano respinge con il braccio il pallone in area. Non c’è due senza tre. L’arbitro fischia il rigore. Quagliarella porta in vantaggio il Chieti facendogli risalire la china.

Play off, realtà vicina
Se avessero parlato di posto promozione ad inizio campionato, nessuno ci avrebbe creduto o quanto meno avrebbero preso per pazzo chi l’avrebbe detto. Dopo la gara vinta sul Sora, i play off non sono più proibitivi. Ed è proprio il massimo esponente neroverde Bucilli ad esprimere questo desiderio, quasi fosse una dichiarazione d’amore. Buttando un occhio sulla classifica, accorgendosi che solo tre punti mancano per raggiungere un posto importante, i play off diventano l’obiettivo del Chieti a detta del presidente Bucilli. Si è già pensato a rinforzare la squadra, nonostante abbiano un organico già competitivo. Chi va cauto è il tecnico Florimbi. Comunque non disdegna i venti punti raccolti, confermanndo il buon momento che i suoi ragazzi stanno attraversando. Sottolinea che per arrivare a certi risultati è doveroso avere una ampio organico, ma altresì avere sempre pronti chi viene chiamato in causa. E ciò è la cosa che lo soddisfa maggiormente.

Califano-Quagliarella coppia gol
Saranno loro a sfidare i bomber della Samb Scandurra-Zerbini. Califano-Quagliarella andati in rete domenica scorsa su calcio di rigore, si presentano al “Riviera” con la stessa intenzione. Sono tredici i gol segnati insieme ed entrambi sono soddisfatti dei propri mezzi ma soprattutto di quelli che la squadra mette a loro disposizione. Califano si sente caricato dall’ambiente, fiducioso. In definitiva stimolato da un gruppo che ha grandi qualità tecniche e morali. Intanto Quagliarella si gode la convocazione in azzurro con la Nazionale under 20 di Rocca.

Chieti e i numeri
A tre giornate dal termine del girone d’andata, il Chieti si trova appaiato in ottava posizione con 20 punti. Solo tre punti lo distanziano dal quinto posto, quello dei play off. Su quattordici gare, cinque le vittorie conquistate di cui quattro in casa con L’Aquila (3-2), Martina (2-0), Vis Pesaro (2-0), Sora (2-1) e una esterna con il Paternò (1-2). Più propensa alla parità viste le gare finite in equo risultato, due sul proprio terreno di gioco (Taranto 1-1, Lanciano 0-0) e tre fuori (Foggia 1-1, Crotone 1-1, Benevento 1-1). Di sconfitte se ne registrano tre lontano dalle mura domestiche con Viterbese (3-0), Teramo (2-0), Acireale (1-0) mentre una soltanto interna con il Giulianova (0-1). Davanti ai propri tifosi hanno messo a segno dieci reti subendone appena cinque. In trasferta sono più restii alle marcature, cinque gol contro le dieci incassate.
Il fischietto disegnato per Samb-Chieti è il signor Caristia di Siracusa. Al suo terzo anno di arbitrato, ha diretto 10 incontri in C1 e 31 in C2. Il suo ruolino prevede 16 “1”, 10 “X” e 15 “2”. Ha un rosso di facile estrazione, ne ha collezionati 16, concedendo 14 rigori. Ha arbitrato la Samb nella stagione 2001/2002 contro il Brescello persa 1-2 dai rossoblu. Il Chieti l’ha diretto nella scorsa stagione contro la Viterbese, neroverdi sconfitti 3-0.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)