E’ la ricorrenza della Madonna di Loreto. La leggenda narra che nel 1291 dopo la conquista della Palestina i saraceni avevano intenzione di distruggere la casa di Maria. Cosi’ nella notte del 12 maggio 1291 una schiera di angeli sollevarono la casetta e la portarono in Dalmazia in una località chiamata Rauniza. Il 2 dicembre 1294 gli angeli la trasportarono in Italia presso Recanati. Qui vi erano dei pericolosi briganti cosi’ la casa venne di nuovo sollevata e portata nel possedimento dei fratelli Antici. Ma questi si impossessarono delle offerte dei pellegrini cosi’ gli angeli la risollevarono per portarla definitivamente su un colle marchigiano, dove oggi vi sorge la splendida basilica di Loreto. Questo evento ha dato origine a tradizioni e leggende, che ancora oggi sopravvivono tra fede e folklore. Per ricordare questo evento miracoloso nella notte fra il 9 e il 10 dicembre si accendono dei grandi falò o “fochere?(per indicare simbolicamente la strada agli angeli). Purtroppo gli ultimi rimasti di questa tradizione. Un tempo questa festa si sentiva maggiormente. Si suonava l’organetto, si mangiava la fava lessa o ngreccia e i frettejette e si beveva il vino novello. Quando le fiamme andavano spegnendosi i giovani la saltavano per purificarsi. Le donne più anziane recitavano il rosario. La prima vera organizzazione della festa della “Venuta? si deve a due frati cappuccini uno anconetano e l’altroascolano.Comunque non solo tutta la costa sarà illuminata ma anche nelle campagne si potrà vedere una serie di fuochi che illuminerà il cammino degli angeli.

QUONDAMATTEO ROBERTA

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 294 volte, 1 oggi)