Il Museo Ittico “A. Capriotti”, vanto della città di San Benedetto, è diventato ancora più attraente grazie alle donazioni di un tassidermista forlivese, Franco Ramoscelli. La sezione ospitante i reperti di Ramoscelli è stata infatti inaugurata.

Franco Ramoscelli, nato ad Imola nel 1932, si è dedicato fin da giovane alla passione di imbalsamatore di soggetti ittici e di crostacei. Soltanto nel 1999, già provato nella salute, venne a conoscenza dell’esistenza del Museo Ittico a San Benedetto e dopo averlo visitato, decise di donare i suoi reperti ittici al Museo stesso, cos che avvenne nel settembre 2002.

Contemporaneamente all’inaugurazione di questa nuova sezione, si è intitolato a Sergio Giacoia il percorso degli Echinodermi, in passato tassidermista del Museo Ittico. Giacoia si avvicinò al Museo Ittico nel 1969 quando aderì alla Società Pescasportiva “G. Poloni”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 157 volte, 1 oggi)