Non sto a dilungarmi sulle colpe di un allenatore che insiste su un modulo di gioco impossibile per questa squadra e sul rendimento ridicolo di alcuni giocatori in campo che forse potrebbero giocare solo in qualche torneo estivo qui in riviera o sulle coste del Portogallo.
Rispondo al lettore che vorrebbe intraprendere la strada del Chieti: come lo chiama lui l’aumento del prezzo dei biglietti se non un finanziamento alle casse dei Gaucci? Ma perché non si è protestato all’inizio campionato per un aumento ingiustificato del 10% dei prezzi? Perché dobbiamo pagare 11 euro una curva di serie C senza avere nemmeno la sicurezza che questa squadra avrà un futuro?
I Gaucci si sono lamentati che c’è stato un calo di spettatori e noi non possiamo lamentarci della loro gestione?

Ho solo un rammarico: questo era l’anno buono, l’anno da sfruttare. Con pochissimi sforzi si sarebbe raggiunta la serie B. Un campionato senza nessun retrocesso dalla serie cadetta e con delle squadre ripescate e piene di problemi economico finanziari non si ripeterà più.
Se qualcuno deve piangere questo non è Gaucci…

Jeff

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 108 volte, 1 oggi)