Lavoro, formazione, istruzione, sanità, infrastrutture sono tra i temi nodali che condizionano lo sviluppo futuro delle Marche. L’individuazione delle priorità e la pianificazione degli interventi in questi settori
strategici, implica, pertanto, confronti e consultazioni con la società civile, per una condivisione delle scelte da adottare.
Nell’ottica di un patto programmatico di fine legislatura, gli assessori alle politiche del Lavoro e Formazione professionale, Ugo Ascoli e all’Istruzione, Marcello Secchiaroli, hanno incontrato le rappresentanze
regionali delle Organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL, in una riunione appositamente convocata per presentare e valutare insieme gli obiettivi futuri nelle rispettive competenze.
L’assessore Ugo Ascoli, dopo un’introduzione sull’attività svolta, ha illustrato le linee programmatiche che seguirà l’assessorato nei prossimi
mesi.
Tra i temi centrali, quattro rivestono un’importanza strategica: l’attuazione del Piano annuale delle Politiche del Lavoro 2003 , approvato nel giugno scorso; la redazione del Piano triennale delle Politiche del lavoro 2004-2006; l’elaborazione di una nuova normativa regionale in materia di Mercato del lavoro da portare all’approvazione del Consiglio regionale
entro il 2004. Tra gli impegni a più breve scadenza, per novembre, è prevista l’organizzazione di tre seminari propedeutici alla redazione del Piano triennale delle Politiche del Lavoro che avranno come argomenti Donne e occupazione, Ricambio generazionale e Giovani e disoccupazione. Ascoli ha inoltre annunciato la costituzione di un gruppo di lavoro misto, Regione,
parti sociali e amministrazioni provinciali per affrontare le problematiche relative alla Formazione continua.
L’assessore Marcello Secchiaroli, ha poi presentato le linee programmatiche che segneranno l’impegno dell’assessorato, in materia di diritto allo studio
e istruzione. In primo luogo- per quanto riguarda il Diritto allo studio – sono in programma quattro iniziative di legge: sulla disciplina degli ERSU e diritto allo studio universitario; una legge per la celebrazione del 500°
anniversario dell’Università di Urbino; una normativa sulla disciplina della riforma scolastica in attuazione della riforma Moratti e, infine, una legge di riordino delle scuole private e parificate. Nel settore specifico
dell’istruzione, oltre al programma regionale sull’educazione degli adulti, sono tra gli obiettivi prioritari, sia l’attuazione del protocollo d’intesa
Regioni e Ministeri Istruzione-. Ricerca Università -Lavoro, che del progetto -indagine sull’anagrafe scolastica per la prevenzione della dispersione scolastica. In tema di istruzione superiore, sono previsti seminari e piani attuativi della Formazione tecnica superiore (IFTS).
La riunione si è conclusa con l’impegno reciproco di rivedersi a breve termine, per esaminare approfonditamente documenti di settore e per la
valutazione di una proposta programmatica che sarà elaborata sulla scorta delle indicazioni emerse nel corso del recente incontro. (ad’e)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 197 volte, 1 oggi)