Foggia 1 Catanzaro 3, le prime colpe
Il calcio è anche questo. Nelle stagioni di “piena” a valanga piovono gli eleogi se una squadra vince, nelle stagioni di “magra” le critiche (per altro sempre costruttive) sono il pasto quotidiano. E’ quanto accaduto al Foggia in tale inizio di campionato. Imprese esterne da ricordare contro Acireale e Fermana e da cancellare la battuta d’arresto contro il Catanzaro. Due volte Corona e Ferrigno per fermare il Foggia, incappato nella classica giornata storta. Con la lucidità del “day after”, il tecnico dei rossoneri Pasquale Marino, parla di un Foggia irriconoscibile soprattutto dopo le buone prestazioni delle trasferte sopra menzionate. Se da una parte c’è una Samb che deve dimenticare il potente poker calato a Pesaro, dall’altra c’è un Foggia che deve scrollarsi dalla mente il deludente insuccesso contro il Catanzaro. E come dice mister Marino “dobbiamo trovare immediatamente la forza per reagire anche perchè siamo solo a inizio stagione”.

Analisi da play off
Distratti e in ritardo di condizione, così sono apparsi i giocatori foggiani dopo la sconfitta interna contro i calabresi. L’uno-due della prima frazione di gioco unito all’errore dal dischetto di De Zerbi, il motivo di un simile insuccesso secondo il giocatore Sapienza. Nonostante ciò suona la carica per San Benedetto “ora aspettiamo il riscatto”. Fra le tante colpe addossate, c’è chi come Corona e Ferrigno (autori delle tre reti del Catanzaro) elogiano gli avversari foggiani. Anche il tecnico del Catanzaro si unisce al coro azzardando un pre-maturo pronostico ” sono convinto che alla fine Foggia e Catanzaro se ne andranno a braccetto ai play off”.

Agnello? No, grazie
Innegabile scordarsi un tale cognome. Stava girando alla ricerca di una squadra in cui diventare proprietario assoluto. Agnello aveva avvistato il Foggia. Il gruppo Scirano ha rifiutato di cedergli il suo 20% quando la pretesa dell’imprenditore campano era quella di acquistare il 100% delle quote. Ora Trinastich si è catapultato su un gruppo di imprenditori capeggiato dall’ex presidente Roberto Scirano, il quale ha intenzione di rilevare il 70% in possesso di Trinastich. Non sono esclusi colpi di scena in attesa dell’evoluzione della trattiva. Intanto i calciatori reclamano le loro spettanze, il tribunale bussa alle porte per le due istanze di fallimento intraprese da Finiguerra e Tomaselli per vecchi crediti spettanti. La prossima settimana sarà decisiva per il Foggia.

Foggia multato
Il giudice sportivo ha reso noto i provvedimenti disciplinari in merito alle gare di domenica scorsa. Cardinale dell’Acireale si becca due giornate di squalifica a differenza di Erra (Martina), Molino (Benevento) e Medda (Chieti) che se ne beccano una. Il Foggia viene multato di 750 € per continuo e fitto lancio di bottigliette, anche semipiene, lattine e contenitori di plastica verso l’assistente arbitrale e sul terreno di gioco. € 300 per la Samb, € 250 per Catanzaro e Crotone, € 150 per il Taranto perchè i propri sostenitori in campo avverso lanciavano all’inizio, i fiumogeni senza conseguenze.

Agnello si, Agnello no?
Pochi giorni fa sembrava sfumata o quanto meno sepolta la trattativa per la cessione delle quote di maggioranza del Foggia Calcio all’imprenditore campano Francesco Agnello. L’attuale proprietà composta da Giorgio Tristanich che ne detiene il 70%, Roberto Scirano con il 20% e i consiglieri Patano, Fares e Vitale con il 10%, sta vagliando ogni possibilità sui papabili imprenditori che potrebbero divenire i nuovi proprietari del club foggiano. Ritorna, in queste ore, il nome di Francesco Agnello che potrebbe insieme alla parteipazione del gruppo Scirano proporre un progetto di acquisto salva fallimento. I due sembrano rispondere alle esigenze sia dell’immediata presenza di denaro per allontanare l’incubo della bancarotta (tra l’altro deve far fronte a due istanze di fallimento), sia di far rimanere in mani foggiane la proprietà Foggia Calcio. Alla già precaria situazione, si aggiunge il reclamo dei giocatori per i mancati stipendi. Tristanich assicura che verranno pagati in settimana come assicura che tale telenovela potrebbe essere in dirittura d’arrivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 165 volte, 1 oggi)