Sono gli ingredienti per un nuovo “miracolo economico? che parta dai paesi storici del nostro territorio, secondo quanto emerso dal convegno-trasmissione televisiva svoltosi ieri a Montefiore dell’Aso, recentemente entrato a far parte del ristretto club dei “Borghi più belli d’Italia?. Un’iniziativa originale, organizzata dall’emittente Tvrs (la vedremo in onda venerdì prossimo, alle ore 20.30) in collaborazione con il Comune e la Coldiretti Ascoli, alla quale hanno preso parte, oltre ai relatori, gli onorevoli Scaltritti e Zama, il sindaco Porrà, il direttore e il presidente di Coldiretti, Bertinelli e Maroni, l’assessore provinciale Verducci, il presidente della Carifermo, Palma. Nel corso della trasmissione, condotta da Giuseppe Corradini e registrata nell’artistico scenario della Sala De Carolis, il presidente della commissione Turismo dell’Anci, Antonio Centi, ha illustrato il meccanismo per arrivare a conquistare la qualifica di “Borgo più bello?. “Unicità e qualità sono le risorse del turismo del futuro – ha spiegato – e la nostra iniziativa punta a mettere in risalto questi valori?. Ma, per mantenere il titolo, serve una costante opera di manutenzione che richiede delle risorse. “La Regione Abruzzo ha approvato una legge per la valorizzazione dei borghi – ha spiegato a tal proposito il sindaco di Montefiore, Lucio Porrà -, e sarebbe cosa buona che anche le Marche si muovessero in tal senso?. La carta vincente resta, comunque, l’enogastronomia. “E’ attraverso la valorizzazione della tipicità che i nostri borghi possono avere una reale occasione di sviluppo – ha rilevato Rolando Manfredini, responsabile del settore Qualità della Coldiretti -, poiché solo legando il prodotto al territorio si mette in risalto anche la cultura e la storia di quella ‘fetta’ d’Italia. La nostra battaglia per l’etichettatura obbligatoria dell’origine degli alimenti va proprio in tale direzione?. Sandro Polci, del Cresme, ha fatto una panoramica sui vari provvedimenti a favore dei piccoli comuni, tra cui la legge per il recupero dei centri storici, mentre Giuseppe Ottaviani, esperto di storia locale, ha ripercorso le tappe dello sviluppo di Montefiore. Tra gli ospiti, da rilevare l’intervento di Enio Gabellieri, Presidente della Camera di Commercio, sul discorso del marketing territoriale. “Il quale deve prevedere anche una serie di momenti educativi che coinvolgano i più giovani – ha sottolineato -, poiché non è possibile che ragazzi di Fermo non siano mai stati ad Ascoli e viceversa?. Alla fine, applausi per tutti,a cominciare dagli organizzatori: l’assessore comunale al Turismo, Luigina Marilungo, e il responsabile economico della Coldiretti Ascoli, Francesco Ciarrocchi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)