Le trattative per gli attaccanti conducono ai soliti due nomi: Zerbini del Piacenza e Miftah della Reggiana. Giovani, bravi e vogliosi di affermarsi, non sono però dotati di un palmares da bomber di razza. Basterebbe poco per rendere competitiva questa Samb: due bravi attaccanti e due buoni centrocampisti potrebbero riportare la Samb ai livelli dello scorso campionato. La questione, però, è la solita: rafforzare una tra Samb e Catania significa, implicitamente, fare concorrenza all’altra squadra. Un assurdo economico e organizzativo.

Intanto la Samb ha ufficializzato l’acquisto di Paolo Mancini, secondo portiere del Cagliari (due sole presenze negli ultimi due campionati di Serie B) in passato al Siena in C1.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 141 volte, 1 oggi)