A meno di rivoluzioni clamorose, nella prossima stagione i tifosi rossoblù dovranno accontentarsi di una squadra da metà classifica. La retrocessione del Catania in C1 (che nonostante l’ennesimo ricorso al TAR sembra cosa oramai scontata), ha causato la presenza di due squadre della stessa proprietà nel medesimo girone: difficile ipotizzare che vengano costruite due compagini di pari livello, anche perché sarebbe un suicidio economico, ad esempio, che una delle due elimini l’altra dalla corsa play-off o che addirittura Samb e Catania si possano incontrare negli spareggi finali…

Le scelte della famiglia Gaucci sono apparse comunque chiare fin dall’inizio: il trasferimento di un tecnico vincente come Colantuono a Catania assieme a Pedotti e Delvecchio non può che confermare, ora che le due squadre sono nello stesso girone, la linea preferenziale verso i siciliani. Se il Catania punterà alla vittoria finale, la Samb ha l’obiettivo di un campionato più modesto: una tranquilla salvezza, il lancio di giovani di belle speranze. Certo, la palla è rotonda, come si suol dire, e tutte le ipotesi possono essere rovesciate.

Per quanto riguarda l’attacco, la Samb è interessata al marocchino Miftah, lo scorso anno a Reggio Emilia e due anni fa a Brescello (lo ricordiamo come un’ottima ala d’attacco anche se non è un attaccante profilico), e a Zerbini, centravanti ventitrenne che l’anno passato ha collezionato tredici presenze in Serie A con il Piacenza senza però segnare alcun gol. Intanto la Samb ha formalizzato l’acquisto del giovane Petterini, estrerno sinistro di centrocampo proveniente dalla Primavera del Perugia. Altri arrivi potrebbero essere quelli di Terra, ex difensore del Sora ed ora a Perugia per l’Intertoto, e di Filippi, che tornerà a vestire la maglia rossoblù.

Sull’orizzonte spunta anche una questione: in base alle regole federali, una stessa proprietà può avere il possesso di due squadre militanti nello stesso campionato per non più di due stagioni. E’ ovvio che l’ipotesi di una vendita del Catania o della Samb non sia escludibile. Per quanto riguarda la Samb, però, la gestione dei Gaucci è intrecciata fortemente con l’ipotesi del project financing allo stadio Riviera delle Palme. Un bel rebus che rischia di essere più appassionante di questa campagna acquisti…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 131 volte, 1 oggi)