Occhio al vincitore! Questo è l’imperativo che risuona dietro le quinte del Festival Nazionale dell’Umorismo Cabaret amoremio! di Grottammare, giunto alla sua terza ed ultima serata. Firmato da Pepimorgia e condotto da una sempre più splendida Natasha Stefanenko e da un brioso Savino Cesario, il galà di questa sera potrebbe far emergere una nuova stella del cabaret. E’ questo infatti l’intento del concorso per giovani artisti emergenti che a Grottammare si svolge da 19 edizioni e che ha presentato personaggi che ora sono al top della carriera. Sei i semifinalisti che questa sera si ripresenteranno sulla passerella picena per contendersi l’ambito titolo del vincitore. Tutti maschietti e di “regionalità” diverse, da sottolineare l’assenza di cabarettisti romani o napoletani. Questi i loro nomi:

Domenico Lannutti di Bologna, I Due di troppo di Viterbo, Davide La Rosa di Palermo, La Gastrite di Foggia, Il Cabaret della Cantina di Cesena, Mauro Ventoli di Moncalieri.

Tutti hanno un consistente curriculum di studi artistici che permette loro di guardare con un occhio più attento a quelle piccole o grandi manie che sono il sale del nostro quotidiano, riproponendoceli in una satira mordente, anche se volutamente mitigata.

Riflettori puntati anche sugli ospiti della serata: dopo la splendida esibizione di Mariella Nava che ha dimostrato la sua maturità di grande autrice ed interpre musicale e la sorprendente vocalità di Barbara Cola, ritorna a Grottammare dopo il successo invernale di Harbì Alberto Fortis. Grande attesa per questo cantautore che ha fatto della sua musica una ricerca spirituale di vita. Per il cabaret tocca questa sera a Sergio Sgrilli, toscano, reduce dal suo nuovo spettacolo “L’ultimo dei Freak”. Da lui ci si aspetta momenti di grande ilarità. Momenti che il pubblico ha gustato ieri sera con le parodie di Caterina Guzzanti che si è esibita nei panni di Miss Italia e della piccola e pestilente contessina Orsetta, e con Balbontin e Casalino (prossimi ospiti di Colorado), quest’ultimo in particolare tormentone brasiliano della Stefanenko.

Grande attesa del pubblico anche per la piccola grande velista per caso Maurizia Giusti, meglio conosciuta come Syusy Blady, alla quale verrà consegnata l’arancia d’oro alla Carriera con la motivazione:

“A Syusy Blady, attrice, scrittrice, animatrice, turista eclettica di arguta ironia, per averci saputo accompagnare nei nostri vagabondaggi culturali con la dolcezza e la buffa ingenuità che la contraddistinguono”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 247 volte, 1 oggi)