Quando l’estate torna a trovare il suo mondo, le città si schiudono come boccioli. I beneamati turisti ricominciano a ronzare tra le località balneari più in voga e l’immaginario prende vita. Colori accesi dipingono le spiagge, l’intenso azzurro del cielo si confonde con quello del mare. I calorosi abbracci del sole non stancano mai di divertire. Una bella abbronzatura per una serata ad hoc ne vale la pena. Se poi tale serata ha qualcosa di familiarmente visibile, impossibile non andarci. Per una volta Piazza Bice Piacentini (Paese Alto) diventa il Circus più amato del momento. È rimbalzato per tutta la stagione invernale sugli schermi televisivi. Meglio del “pifferaio magico?, ha trascinato dietro di sé un pubblico multi-età e dalle classi sociali più disparate. Una vera calamita di comicità targata Zelig. È stato il programma televisivo più “cult? dell’intero palinsesto, una novità che ora sa di certezza. E direttamente dal tendone più “in? d’Italia ecco sbucare a San Benedetto il duo Pali e Dispari. L’anagrafe li conosce come Angelo Pisani e Marco Silvestri, rispettivamente di 28 e 27 anni, il pubblico come Capsula e Nucleo. Sono i comici più giovani del suddetto programma. Si sono imposti immediatamente per la forte carica comunicativa e la grande energia miscelata ad un elevato grado di professionalità che li ha resi finora all’altezza di affrontare le più diverse esperienze: dal teatro alla televisione, dalla radio agli incontri con gli studenti nelle scuole. Senza neanche proferire parola hanno la capacità di far ridere e di comunicare poiché dotati di una grande espressività fisica e facciale. Diverse apparizioni tv: nel 1997 a Zona B su Odeon Tv, nel 1999 a Facciamo Cabaret su Italia Uno, nel 2000 a Zelig e Zelig for Iene, nel 2001 a Countdown Zelig, Zelig, v.v.it su Rete A/ Viva e Le Iene Show, nel 2002 a Zelig. Ma dietro si vede spuntare quel comico di Leonardo Manera (mercoledì 6 Agosto ore 21.30). Attore, autore e principalmente cabarettista ha vinto tre premi importanti: il Festival Nazionale del Cabaret nel 1996, il Festival di Cabaret Città di Cremona dedicato ad Ugo Tognazzi nella sezione giovani nel 1997 e nello stesso anno la Zanzara d’oro (Rai Uno) come premio della critica. A teatro nel 2000 va in scena con “Se non m’illudo mi chiudo? seguendo il filo di una comicità diversa eppure costantemente recepita dal pubblico. Nel 2002 con “Abbracciati da sola che c’ho d’andar via?, una commedia comica sui temi dell’amore scritto e interpretato insieme a Paolo Migone e Diego Parasole per la regia di Giancarlo Bozzo. Senza dimenticare le apparizioni a Seven Show (Italia sette) dove ha presentato i personaggi del Ventriloquo Vasco e Mimmo Mimmo, a Paperissima Sprint (nell’estate 1997 su Canale 5), a Quelli che il calcio tra il 1998-99. E Flavio Oreglio (giovedì 7 Agosto ore 21.30)? Un composto esplosivo fatto di esperienze personali e collaborazioni importanti. Cantautore, entertainer, pianista e chitarrista oltre che appassionato di Ragtime. Oreglio propone una sorta di Cabaret concerto dove le canzoni con testi carichi di umorismo, satira, ironia e poesia sono innestati su un sound costituito da una originale “fusion? di musica mediterranea con i classici generi acustici anglosassoni. Attualmente lavora a Zelig nelle vesti di un poeta disincantato e con il gruppo Martesana, ispirati agli storici Gufi che ripropone la canzone popolare milanese. È anche autore dell’inno della squadra di calcio della Smemoranda e nel marzo del 2000 ha fatto un videoclip dedicato al mito del pallone Paolo Pulici con i suoi gol più significativi. Dal luminare Anatdin Balasz con i suoi giochi di parole a Natalino Balasso (venerdì 8 Agosto ore 21.30) con la strampalata campagna elettorale a favore del proprio partito. Il comico propone esilaranti parodie capaci di incontrare il gusto del grande pubblico. Balasso mette in scena nel 1989 “C’è qualcosa che mi lascia perplesso?, spettacolo di cabaret di stampo monologhistico seguito da altri due monologhi teatrali “Le uova giganti dell’Isola di Pasqua? e “Il grande popcorn?. Nel 2000 in Gnorri espone una serie indefinita di spettacoli uno diverso dall’altro con canovacci di vari generi. Ha partecipato a Drive In, Facciamo Cabaret, Ciro e Zelig. Quale cosa migliore per gustarsi una serata all’insegna del divertimento e dalle sane risate? Come direbbero i Pali e Dispari “Noi ci stiamo dentro? e voi ci state dentro?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 146 volte, 1 oggi)