La Giunta Martinelli è ad un passo dal baratro. Dopo essersi trascinata per mesi tra liti fratricide e crisi evitate per incomprensibili ‘ragioni di stato’, la coalizione governativa sembra ormai giunta al capolinea. A far precipitare il quadro politico è stato l’ultimo ‘schiaffo’ assestato da Forza Italia al sindaco Martinelli: i consiglieri azzurri ieri sera hanno disertato in blocco il Consiglio comunale. Un gesto inequivocabile che suona come un campanello d’allarme definitivo per le sorti della traballante compagine governativa.

Dunque, lo scottante caso Ceneri si è rivelato davvero un colpo ‘letale’ per la Cdl. Il rifiuto opposto dal Sindaco alle pressanti richieste dei consiglieri azzurri (colleghi di partito della stessa Ceneri, giova ricordarlo), che chiedevano l’immediato ritiro delle deleghe all’assessore ai servizi socio-educativi, ha scatenato una prevedibile reazione a catena. L’unica via percorribile ora sembra quella che porta alle immediate ed irrevocabili dimissioni del primo cittadino. Un gesto responsabile che eviterebbe (alla cittadinanza e allo stesso sindaco) l’ennesimo stucchevole gioco al massacro nel centrodestra. Altre soluzioni non sono immaginabili. Assurdo pensare, ad esempio, ad una maggioranza ‘trasversale’ che viva (meglio, sopravviva) con il precario consenso delle residue forze della coalizione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 105 volte, 1 oggi)