Puntuale come un orologio svizzero, fresco diciannovenne, torna a divertire la sua amata cittadina grottammarese. “Cabaret amore mio?, Festival Nazionale dell’umorismo, si presenta al suo pubblico ricco di comiche novità. Il 1984 è l’anno della sua nascita. Un boom di successi che, con il passare delle edizioni, sono divenuti sempre più esplosivi. Un cocktail di risate fatto di buona satira e sano divertimento, mai demodé. Anzi, sempre al passo con i tempi tanto da divenire il più longevo fra i concorsi nazionali per nuovi comici e la manifestazione più attesa della stagione estiva. Tre serate all’insegna della spensieratezza, dove la risata sarà il biglietto d’ingresso. Non si può fare altrimenti, per un evento ideato per offrire una vetrina e un palcoscenico a comici emergenti. Chi è che non ricorda un allora giovane napoletano che “aveva vinto qualche cosa?? Francesco Paolantoni, ha calcato le scene di “Cabaret amore mio? quando ancora era alle prime armi della sua carriera divenuto, ora, un attore di rispetto e un comico di spessore. Massimo Cacioppo lo vinse nel 1995, tra le sue esperienze c’è quella di Zelig e del recente film di Aldo, Giovanni e Giacomo “La leggenda di Al, John e Jack?. Uno dei più noti, entrato nei cuori degli amanti del cabaret e nel linguaggio dei giovani, è Gabriele Cirilli. Chi è Cirilli? È un comico ma talmente comico che la sua Kruska (l’amica di Tatiana) ha bisogno di una bella controfigura per le sue gag. Eh si…ho fatto la battuta! Questa, però, non lo è. Natasha Stefanenko sarà la madrina che presenterà la manifestazione insieme al poliedrico Savino Cesario, responsabile del sito www.maidireweb.it direttamente dalla Gialappa’s Band. Tra gli ospiti comici non potevano mancare quelli di Bulldozer (programma di Rai Due), basti pensare alla “Miss Italia? che risponde alle domande del dopo elezione impersonata dalla bravissima Caterina Guzzanti. All’urlo di “Tutto il modo è Savona? risponde presente Balbontin, l’insegnate di lingue più entusiasta della tv. I Valle Luja, gruppo di oratori estremisti che cantano la loro gioia di vivere al ritornello di “Grazie, Signore grazie?. Dal popolarissimo Zelig arriva il toscano Sergio Sgrilli, il quale fa degli eventi della sua vita una comica parodia. L’intrattenimento musicale porterà le voci di Maiella Nava, Barbara Cola e Alberto Fortis. Pepi Morgia, l’insostituibile direttore artistico, ha ancora portato avanti un progetto di grande successo. Fiore all’occhiello del Festival sono le organizzazioni di mostre temporanee e le manifestazioni collaterali. Quest’anno la rassegna “Umorismo nell’Arte? è stata dedicata ad un grande del cinema italiano dall’innata romanità recentemente scomparso, Alberto Sordi. Sale la febbre, cresce l’attesa per i dieci emergenti che si daranno battaglia sul palcoscenico a suon di battute e ritmi satirici. L’occasione per una serata originale c’è, gli ingredienti per trascorrerla piacevolmente anche. La risata è il mezzo migliore per sentirsi bene, e allora quale evento di spicco se non la comicità di “Cabaret amore mio?? La bravura dei futuri cabarettisti sarà talmente elevata che lasceranno ai “buoni intenditori, tante risate?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 255 volte, 1 oggi)