Il gentil sesso da oggi non allieterà più le grigie giornate trascorse in Municipio dalla Giunta Martinelli. L’assessore ai Servizi socio-educativi, Gabriella Ceneri è stata infatti sfiduciata dai suoi colleghi di partito. I sette consiglieri comunali di Forza Italia e i vertici locali del partito hanno emesso una sentenza inappellabile, espressa a chiare lettere in un documento inviato al sindaco Martinelli: l’assessore deve abbandonare la sua poltrona. Dunque, la spinosa querelle sorta tra i sette consiglieri azzurri e l’esponente della Giunta comunale è sfociata in un’insanabile e scontata rottura. La ‘miccia’ era accesa da tempo, sono bastate le recenti esternazioni dell’assessore, che nel corso di una conferenza stampa ha replicato stizzita alle pesanti accuse dei suoi colleghi di partito (la Ceneri è ritenuta responsabile di aver sperperato denaro pubblico per l’organizzazione di un convegno sulle pari opportunità) per far scoppiare la ‘bomba’. I consiglieri di FI non attendevano altro per chiedere la destituzione immediata dell’assessore.

Preso atto della formale richiesta di dimissioni, il Sindaco Martinelli ora non potrà fare altro che ritirare le deleghe alla combattiva esponente dell’esecutivo. Insomma, è bastata una innocua (apparentemente) lite di partito a dare il via al tanto atteso rimpasto di Giunta, ‘impresa’ che l’estenunate crisi politica della Cdl sinora non è riuscita a compiere.

E ora, chi colmerà il vuoto lasciato dall’assessore Ceneri? Difficile al momento fare previsioni, facile presagire nuove grane per Martinelli & c.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)