La Samb ha reso noti gli acquisti del portoghese Hilario (terzino destro con doti offensive) e del brasiliano Tiago, difensore centrale. Ieri inoltre è stata decisa la sede del ritiro pre-campionato, che si svolgerà a Peglio, nell’Appennino Pescarese.

Alessandro Gaucci verrà a San Benedetto mercoledì prossimo per presentare la nuova squadra: entro quella data sarà reso noto il nome del nuovo allenatore; sembra la società rossoblu abbia oramai scelto, ma finché l’accordo non sarà definitivo sul nome regnerà il massimo riserbo. Tra i papabili figurano, come sempre, Gentilini e Cabrini, ma non si esclude la nomina di un allenatore diverso.

Come giudicare, fino ad oggi, la campagna acquisti rossoblu? La Samb è completamente scoperta in attacco; gli acquisti riguardano giocatori con poca esperienza in Italia e che al momento nessuno si può permettere di giudicare, non avendoli mai visti giocare (a proposito: nel ritiro di Peglio saranno provati due calciatori tedeschi, Oelkuch e Kurbjuweit, che hanno diverse presenze nella Bundesliga tedesca); però, sempre con le molle, bisogna ricordare che chi ha acquistato questi giocatori gode di un curriculum di tutto rispetto, poiché, in diversi anni di Serie A con il Perugia, è riuscito a trasformare in giocatori notevole dei perfetti mister nessuno. Tenendo presente che si aspetta l’acquisto di almeno un paio di attaccanti di peso (Ambrosi del Pisa è il sogno), la Samb potrebbe rappresentare l’outsider del girone B della C1, che oltretutto non sembra un girone di ferro. Resta da valutare se la politica che ha avuto successo in Serie A con il Perugia sia riproponibile nel campionato di C1.

L’arrivo di Gaucci servirà per chiarire alcuni aspetti che hanno infastidito parte della tifoseria rossoblu: l’unione tra Samb e Gaucci purtroppo è percorsa da una sorta di precarietà, dovuta al fatto che sono tre i club della famiglia romana. Le polemiche sul project financing e la minaccia di far giocare la Samb fuori da San Benedetto non sono piaciute. Se politica dei giovani deve essere, inoltre, perché non partire rinforzando le formazioni giovanili, a partire dalla Beretti e con l’obiettivo di avere una squadra Primavera dignitosa in un paio di anni?

Se l’accordo tra il Comune (convenzione di tre anni a favore della Samb con un contributo raddoppiato: siete d’accordo? Ditelo nel nostro sondaggio) e la Samb servirà per avere una prima squadra da C1 e da B, perché non inserire la clausola dell’allestimento di una squadra Primavera?

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 113 volte, 1 oggi)