Si parte con “LA MEGLIO GIOVENTÚ? di MARCO TULLIO GIORDANA

ospiti del festival saranno i protagonisti del film Alessio Boni e Jasmine Trinca.

Sarà il film-evento di questa stagione ad aprire in grande stile l’edizione del Decennale del Premio Libero Bizzarri di San Benedetto del Tronto. Lunedì 14 luglio, alle ore 21:30, presso la Sala Azzurra della Multisala Calabresi, verrà infatti proiettato il film di Marco Tullio Giordana “La meglio gioventù?, vincitore della sezione “Un Certain Regard? all’ultimo Festival di Cannes.

La proiezione sarà preceduta dal saluto del Direttore Artistico del Bizzarri Italo Moscati. Il film, della durata complessiva di 6 ore, verrà proiettato (seguendo la prassi operata da tutti i cinema d’Italia) in due “parti?: la prima parte lunedì 14, mentre la seconda sabato 19 luglio, sempre alle ore 21:30. Nella serata di sabato 19 saranno ospiti del Bizzarri due dei protagonisti del film: gli attori ALESSIO BONI e JASMINE TRINCA.

“La meglio gioventù? ripercorre la storia di una famiglia italiana dalla fine degli anni sessanta ad oggi. Al centro della vicenda due fratelli: Nicola e Matteo. Che in principio condividono stessi sogni, stesse speranze, stesse letture e amicizie, finché l’incontro con una ragazza psichicamente disturbata non preciserà il destino di entrambi: Nicola deciderà di diventare psichiatra, Matteo di abbandonare gli studi ed entrare in polizia. Angelo – il padre – è genitore e marito affettuoso, anche se la sua esuberanza viene vissuta dalla famiglia con tollerante degnazione. Adriana – la madre – è insegnante moderna e irreprensibile, innamorata dei suoi studenti come dei propri figli. C’è poi Giovanna, la figlia maggiore, entrata giovanissima in magistratura; e Francesca, la più piccola, che sposerà Carlo, il migliore amico di Nicola, destinato a un importante ruolo alla Banca d’Italia e (per questa ragione) nel mirino del terrorismo durante gli anni di piombo. Attraverso questo piccolo nucleo di personaggi si ripercorrono, parallelamente, le vicende e le cronache che hanno caratterizzato la nostra storia recente.

Marco Tullio Giordana (nato a Milano nel 1950) è attualmente uno dei principali autori del cinema italiano contemporaneo. Ha iniziato a lavorare nel cinema come collaboratore di Roberto Faenza per “Forza Italia? (1977). Tre anni dopo esordisce nella regia con uno dei primi film dedicati al terrorismo italiano: “Maledetti vi amerò? (1980, Pardo d’oro al Festival di Locarno). Segue “La caduta degli angeli ribelli? (1981), dedicato allo stesso tema, con cui Alida Valli si aggiudica il Nastro d’Argento. Nel suo cinema i fatti di cronaca e la storia occupano un posto importante, ma la sua carriera si muoverà anche in altri ambiti. Nel ‘90 ha curato le regie de “L’Elisir d’amore? di Gaetano Donizetti (Teatro Verdi di Trieste) e di “Morte di Galeazzo Ciano?, (Teatro Carignano di Torino). Nel ’90 pubblica il romanzo “Vita segreta del signore delle macchine? (1990). Scrive un saggio su Pier Paolo Pasolini, seguito nel ’95 da un film con lo stesso titolo, “Pasolini, un delitto italiano? (1995). Per il suo ultimo celeberrimo film, “I cento passi? (2000), Giordana è tornato a visitare gli anni ‘70 italiani, imponendosi come uno degli autori più appassionati nel ritrarre conflitti e tensioni di un periodo fra i più inquietanti della nostra storia recente.

Nato a Sarnico (Bergamo), ALESSIO BONI si è diplomato all’Accademia d’arte drammatica “Silvio D’Amico?. Il suo primo amore è il teatro: viene diretto prima da Orazio Costa in “Dalla tavola della mia memoria?, da Peter Stein in “Sogno di una notte di mezza estate? di Shakespeare, da Luca Ronconi in “Peer Gynt?, da Giorgio Strelher in “L’avaro? di Molière. Dal ‘96 lavora al cinema e in televisione con registi del calibro di Carlo Lizzani e Ugo Gregoretti. Si è cimentato anche nell’opera lirica: In “L’Azira? di Giuseppe Verdi e in Ludoiska (1992) di Luigi Cherubini diretta da Riccardo Muti per la regia di Luca Ronconi.

JASMINE TRINCA deve la sua popolarità al ruolo di “Irene? nel bellissimo film “La stanza del figlio? di Nanni Moretti. Il regista scelse Jasmine per la parte della figlia dopo aver selezionato 2500 ragazze: dopo la prima selezione (fatta al Liceo dove l’attrice studiava) e l’incontro con Moretti, si svolse il primo provino con Laura Morante. Alla fine rimasero cinque candidate, e poi, a due mesi dal provino la telefonata del regista e il film. Jasmine si è diplomata nel luglio del 2000, studiando sul treno Roma-Ancona, mentre lavorava con Moretti. Terminato il film, si è iscritta alla facoltà di Archeologia. Per il momento ha scelto di non voler studiare recitazione.

Eccezionalmente, per la visione del film “La meglio gioventù? è previsto un biglietto d’ingresso di 4 Euro.

Durante la proiezione del film di Giordana in Sala Azzurra, nell’“Arena Bizzarri?, all’esterno del Cinema Calabresi, si potrà assistere a partire dalle 21:30 ad un fuori programma: “Itinerari Piceni?, suggestivo documentario anni ‘50 di Libero Ferretti sulla nostra provincia e sul turismo a San Benedetto, e “Il mondo alla rovescia? di Tonino Curagi e Anna Gorio, una carrellata sulla storia del cabaret milanese da Cochi & Renato fino ai comici di “Zelig?.

…e martedì 15 un documentario dedicato al Porto di San Benedetto

Martedì 15 luglio il Premio Bizzarri inizierà le proiezioni dei documentari in concorso. Per la sezione “MarcheDoc?, alle ore 21:15, Sala Azzurra Multisala Calabresi, aprirà la serata “Porto dei suoni? di Francesco De Melis, un omaggio cinematografico al porto di San Benedetto, cuore antico della nostra storica marineria. Un documentario che racconta lo “spazio? del porto, la forma di navi, prore, poppe, alberi, cordame, bitte, gru, argani, fari. I gesti dello sguardo dello sguardo e della mimica del corpo. E i suoni pescherecci, industriali, mercantili, militari. Voci di carpentieri e marinai che durante il lavoro, in una sorta di “mixage all’aria aperta? di cui il vento è forse il principale “ingegnere del suono?, si miscelano e fondono con il resto dell’aura sonora. Il risultato è una sorta di “concerto visivo? sul mondo del mare. Un’emozionante esperienza di “musica del cinema? e di “cinema della musica?.

PREMIO BIZZARRI 2003 – tel. + 39 (0)735 58.29.92 – fax +39 (0)735 57.72.52

bizzarridoc@libero.it – www.ildocumentario.it/bizzarri

Ufficio Stampa: Dante Albanesi 347 91.066.89

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 193 volte, 1 oggi)