Mentre l’onorevole Scaltritti e il vice-sindaco Piunti cercano di mediare tra Luciano Gaucci e il sindaco Martinelli (attualmente in vacanza su una nave da crociera) sulla questione del project financing al “Riviera delle Palme”, la stagione sportiva 2003-04 entra nel vivo. Da oggi fino al 15 luglio le stanze dell’Hotel Quark di Milano ospiteranno la prima fase del calcio mercato estivo (sarà comunque possibile acquistare calciatori fino al 31 agosto).

La Samb è una squadra in parte da rifondare: certo, molti calciatori orbitano pur sempre nelle altre squadre di Gaucci (Kanjengele e Turchi, ad esempio), ma sono tanti i giocatori che hanno lasciato o dovuto lasciare la Samb (Soncin, Fanesi, Pardini), e tanti quelli in predicato di abbandonarla (tutti gli svincolati, più Pedotti e Delvecchio destinati al Catania). Il punto interrogativo è dato dal fatto che ancora oggi, 2 luglio, non si conosce il nome dell’allenatore che guiderà i rossoblù nella prossima stagione. Circolano molti nomi (Gentilini, Foschi, Di Chiara), ma se questa settimana si concluderà senza una presentazione ufficiale si rischia veramente di ripetere, in qualche modo, l’esperienza del Taranto nella scorsa stagione (sfiorò la Serie B poi una mancata programmazione impelagò la squadra nei bassifondi della classifica nonostante l’arrivo di giocatori importanti).

Oltre all’assenza di un allenatore, pesa la definizione della nuova struttura dirigenziale: la Samb sarà rappresentata a Milano dal direttore generale Molinari, che probabilmente potrà appoggiarsi alla rete di collaboratori del gruppo Gaucci compreso il direttore sportivo Angelozzi,. In rossoblù finiranno solo le terze scelte non gradite a Perugia e Catania? Non sarebbe neanche male, purché i giocatori non arrivino alla rinfusa: ricordiamo la campagna acquisti di due anni fa, nel campionato di C2, in cui ci fu un turbinare di arrivi e di partenze fino al mese di gennaio, mentre lo scorso anno il lavoro congiunto di Angelozzi e Colantuono permise di disegnare da subito una squadra ben definita. Per il momento, oltre al fattivo interessamento per il centrocampista Tisci del Lanciano e per il difensore Traversa, lo scorso anno a Firenze, due sembrano le pedine che possono essere già girate al club Adriatico: si parla dei difensori Ignoffo (ex Avellino) e Terra (ex Sora), acquistati dal Perugia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 238 volte, 1 oggi)