Il libro, curato da Costanza Costanzi e edito da Marsilio, sarà presentato domani a Palazzo Ferretti da Stefano Papetti.

Appuntamento culturale domani alle 18 al Museo Archeologico nazionale delle Marche ad Ancona. L’occasione è la presentazione del volume “ Luigi Lanzi, Viaggio del 1783 per la Toscana Superiore, per l’Umbria e per la Marca, per la Romagna, pittori veduti: antichità trovatevi ? curato da Costanza Costanzi, del Centro Beni Culturali, ed edito da Marsilio.
Si tratta del terzo contributo della Collana della Regione Marche “ Marche Disperse/Fonti? ed è il risultato di un complesso lavoro di ricerca incentrato sulla trascrizione di un taccuino manoscritto inedito, redatto dall’Abate Luigi Lanzi ( nato a Treia nel 1732 e morto a Firenze nel 1810) erudito, filologo, archeologo e storico dell’arte.
Il volume è già stato presentato il 12 giugno a Firenze da Antonio Paolucci , Sovrintendente degli Uffizi, poiché lì è conservato il corpus dei dieci taccuini manoscritti.
Il volume di Luigi Lanzi ripercorre un itinerario culturale con tappe significative a Urbino, Ancona, Fossombrone, Cagli, Osimo, Loreto, Recanati, e poi Perugia, Gubbio, Rimini , segnate dalle presenze artistiche del Barocci, Cantarini, il Sassoferrato, De Magistris, Raffaello, Piero della Francesca, Lotto ed altri.
Il libro, corredato da una ricca documentazione fotografica con 400 immagini, sarà presentato a Palazzo Ferretti di Ancona, dal critico d’arte Stefano Papetti ed interverranno, oltre alla curatrice Costanza Costanzi, il presidente della giunta regionale Vito D’Ambrosio, i soprintendenti, Francesco Scoppola, Paolo dal Poggetto, Giuliano De Marinis e il dirigente del Servizio Tecnico alla Cultura, Raimondo Orsetti. (ad’e)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 270 volte, 1 oggi)