Il relatore, sulla scorta di dati scientifici a supporto, ha evidenziato gli aspetti cognitivi ed emotivi nel comportamento sintomatico ansioso.
Il Prof. T. Borkovec ha focalizzato l’attenzione sul processo del rimuginio (worry), che ha la funzione primaria di inibire i processi emotivi, vissuti come pericolosi dall’individuo stesso.
Il soggetto ansioso è orientato alla previsione di eventi negativi futuri, perciò poco concentrato sul presente .
La tendenza alla cronicizzazione di questo processo rende necessario un tipo di intervento mirato all’acquisizione di strategie alternative per fronteggiare la realtà .
Pertanto la Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale è efficace nel disturbo ansioso perché aiuta l’individuo ad acquisire la consapevolezza del suo malessere e ad attivare il processo di cambiamento.
La Dr.ssa Sandra Sassaroli, direttore di Studi Cognitivi, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale, e la Dr.ssa Clarice Mezzaluna, responsabile della sede di Studi Cognitivi di San Benedetto del Tronto, hanno espresso la loro soddisfazione per il successo ottenuto con l’evento a carattere internazionale.
La scuola, rivolta a psicologi, psichiatri e medici, e riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) organizza training triennali di perfezionamento e corsi quadriennali di specializzazione con l’obiettivo di formare operatori professionali in grado di condurre una Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale e applicare tecniche cognitive in vari contesti clinici.
La scuola inoltre si propone di introdurre e formare gli allievi interessati alla ricerca in psicoterapia, coinvolgendoli in progetti innovativi.
Per informazioni ed iscrizioni ai colloqui di selezione per i corsi che si attiveranno nel 2004 si può far riferimento alla Dr.ssa Clarice Mezzaluna, tel./fax 0735/587112.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 227 volte, 1 oggi)