“Il bilancio regionale- ha sottolineato Ugo Ascoli, assessore regionale alla formazione e lavoro, intervenendo ai lavori del Convegno su “Sviluppo economico nell’Ascolano? – è per l’82 per cento condizionato dalla sanità. Ma non per questo dobbiamo scoraggiarci: sappiamo che molte risorse sono a disposizione della comunità e che molte iniziative si possono realizzare per promuovere lo sviluppo del territorio ascolano?. Tra i problemi da affrontare, secondo Ascoli, l’inserimento nel mercato del lavoro regionale dei soggetti che non riescono ad entrarvi, come gli svantaggiati, i laureati e i diplomati. Ma c’è anche la necessità di promuovere una nuova domanda di lavoro e di far crescere un’occupazione che sia rispettosa dei livelli salariali stabiliti contrattualmente. “Ma, soprattutto, occorre incoraggiare – ha detto Ascoli – una cultura di sistema e di cooperazione?.
In precedenza, Pietro Colonnella, presidente della Provincia di Ascoli Piceno, aveva sottolineato l’importanza del metodo della concertazione nel promuovere la crescita del territorio. “Con i Patti territoriali, sono stati attivati – ha ricordato – investimenti per un totale di 300 miliardi di vecchie lire nei settori dell’industria, dell’artigianato, dell’agricoltura e della pesca, con il coinvolgimento di 53 Comuni della Provincia?. Colonnella ha anche ricordato lo stato di sofferenza in cui versano alcuni settori dell’economia picena, in particolare quello della calzatura che, a causa della congiuntura internazionale, sta facendo registrare un calo dell’export e un preoccupante incremento delle numero delle ore di cassa integrazione. Per uscire da questa situazione, è fondamentale – ha detto – potenziare le infrastrutture, migliorare i servizi e i rapporti tra Università, territorio e istituti di credito.
I lavori del convegno sono proseguiti in mattinata con le relazioni di Fabrizio Costa, direttore del dipartimento Sviluppo economico della Regione, sulle “Politiche regionali per lo sviluppo e l’occupazione?, di Bruno Mengarelli, dirigente del servizio artigianato e industria della Regione ( “Gli strumenti della programmazione industriale ed artigianale?) e di Piero Sunzini, dirigente del servizio formazione e lavoro della Regione ( “La politica del lavoro e gli interventi del Fondo Sociale Europeo?). E’ seguito un dibattito sul tema “Il territorio protagonista dello sviluppo?, al quale hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni, delle imprese, delle parti sociali, dell’università, degli istituti di credito e delle infrastrutture. La sessione pomeridiana è stata dedicata alla discussione di incentivi economici e di strumenti di formazione. Le conclusioni sono state tratte dall’assessore alla formazione e lavoro, Ugo Ascoli. (s.p)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 99 volte, 1 oggi)