L’obiettivo è combattere le malattie gastrointestinali. In Iraq la guerra ha aggravato la già precaria situazione igienico-sanitaria di molte città. Gran parte della popolazione riesce a sopravvivere grazie alla distribuzione di razioni alimentari. Ma il problema maggiore resta la carenza di acqua potabile. La gente è costantemente esposta al rischio di epidemie e soprattutto i bambini sono colpiti da malattie gastrointestinali. Lo scenario non è affatto rassicurante. Molte associazioni umanitarie e organizzazioni non governative sono impegnate nel Paese per fronteggiare l’emergenza, ma il loro aiuto richiede un continuo sostegno economico a distanza. Così, la Provincia di Macerata – per iniziativa dell’assessorato alle Politiche sociali – ha deciso di intervenire con un proprio contributo di oltre 15 mila euro a favore del progetto “Sindbad?, uno dei più “urgenti? dell’attuale crisi post-bellica. “Si tratta di dare assistenza finanziaria – ha spiegato l’assessore provinciale Mauro Riccioni – al dispensario per le patologie gastrointestinali di Bassora, sorto nel 1996 per iniziativa dell’associazione ‘Un ponte per’. Nonostante il miglioramento dell’offerta curativa locale, infatti, le malattie gastrointestinali si confermano la prima causa di morte dei bambini iracheni?. “Il dispensario resterà aperto fino al 2004 – ha spiegato Domenico Chirico, responsabile del progetto per l’associazione ‘Un ponte per’ – e continuerà ad assistere la popolazione con medicinali, visite, test diagnostici di laboratorio, informazioni sull’uso appropriato dell’acqua e sulla preparazione delle soluzioni reidratanti. E il contributo della Provincia di Macerata è molto importante per dare ulteriore efficacia a questo tipo di assistenza sanitaria?. Grazie a tale struttura medica specializzata – che svolge un ruolo di sostegno farmaceutico agli ospedali e riesce a trattare, ogni anno, 10 mila bambini con infezioni gastrointestinali – la popolazione di Bassora, seconda città dell’Iraq, potrà così sperare in condizioni di salute migliori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 149 volte, 1 oggi)