E’ una lodevole iniziativa questa che, da quattro anni si perpetua tra scuola e comune, per significare come in un piccolo paese si possa attuare quella auspicata interazione tra scuola e territorio,celebrata già dalla legge dell’Autonomia e potenziata ora dalla Nuova Riforma.
Gli alunni di tutte le classi della scuola dell’Infanzia, Elementare e Media, accompagnati dai rispettivi docenti,si sono recati nel nuovo Palazzetto dello sport e dopo la celebrazione della S.Messa, hanno celebrato con canti,balletti e musiche la fine di un anno scolastico che li ha visti,insieme ai docenti,i”veri protagonisti sul campo”.
L’attività progettuale che,come ha riferito la Dirigente prof.ssa Marisa Salvatori,è stata veramente intensa e basata soprattutto sul concetto di continuità educativa,che è il vero”collante” di un Istituto comprensivo, ha avuto una molteplicità fenomenologica che si è estrinsecata anche nella fatturazione di un sito web della scuola,che ha raccolto non solo la storia del territorio,ma anche l’insieme dei lavori e dei progetti eseguiti nei tre settori dagli alunni.Del sito viene proposto un CDRom che sarà per la scuola una valida testimonianza di”memoria storica” di un processo culturale pluriennale e per gli alunni un ricordo perenne delle loro attività.
Tra l’altro,come ha continuato la stessa Dirigente,la scuola in un piccolo centro non assume solo una valenza culturale,ma rappresenta anche l’identità di una collettività, che esprime le sue ideologie e i suoi momenti di aggregazione,proprio in simili circostanze ed ha lanciato un appello ai genitori richiamandoli ad una maggiore corresponsabilizzazione verso il progetto educativo dei propri figli,anche sulle orme della Riforma scolastica. A tal proposito verranno proposti per il prossimo anno scolastico ai genitori dei comuni,sia di Roccafluvione che di Venarotta,degli incontri con esperti psicologi sulle tematiche dell’infanzia,fanciullezza e pre adolescenza, per prepararli ad una presenza più attiva nella personalizzazione del processo insegnamento/apprendimento dei propri figli.
Per ultimo,il sindaco sig.Giuseppe Mariani ha voluto concedere ai ragazzi convenuti,circa 200, un momento di”gloria” invitando due giocatori dell’ASCOLI CALCIO, Bruno e Savini,i quali sono stati letteralmente presi d’assalto sotto le note dell’inno dell’Ascoli.
Si è così conclusa una giornata,a dir poco epica,per un paese che ha rievocato anche in questa celebrazione un momento storico,con un pranzo per alunni e personale della scuola offerto dall’Amm.ne Comunale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 175 volte, 1 oggi)