Il Grottamamare si qualifica per la finalissima contro la Teoreo Montoro in provincia di Avellino e domenica lo affronterà in casa. Oggi nel confronto contro la Fortis Terni è stato un ennesimo scontro fra due grandissime formazioni che meriterebbero entrambe il salto in serie D. Il Grottammare ha dimostrato carattere da vendere e volontà, riuscendio in due volte a recuperare lo svantaggio, è stata una prestazione veramente memorabile per le emozioni suscitate nel numerosissimo pubblico, circa 100 prsone, I locali dal punto di vista tattico hanno impostato la gara attaccando gli avversari nel tentativo di bloccare il loro gioco ed in parte c’è riuscita. Bravo Bertaccini in più di un’occasione con intevrenti decisivi. Gli ospiti hanno dimostrato grande valore battendosi anche in nove contro undici e contro dieci poi nel finale di tentativo di vincere questa gara. Sono passati in vantaggio al 28’ su rigore realizzato da Filippi (fallo di mani involontario su pallonetto di Valentini), i locali pareggiavano al 46’ con Cau che in spaccata al volo metteva in rete una punizione di Corvo. Al 63’ Berardi innesca Pieroni sulla fascia destra che, in sospetto fuorigioco, crossa al centro e testa di Santoprete per l’1-2. Scattavano le espulsioni di Pieroni al 69’ e di Valentini al 73’ e all’84’ quella di Corvo. Il pareggio era giunto al 76’ grazie a Corvo che ricevuta palla da Cau, entrava in area e con un gran tiro di esterno destro superava imparabilmente Federici. Nel finale Erbuto si ergeva su tutti da insuperabile gladiatore bloccando i generosi attacchi ospiti. Nel dopo gara un episodio increscioso: giocatori della Fortis Terni hanno tirato sassi contro l’auto di Corvo.
GIUSEPPE VERDECCHIA

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 161 volte, 1 oggi)