“I fatti, come ben tutti sanno, riguardano la mancanza del numero legale all’ultimo consiglio comunale, la conferenza stampa del sindaco Martinelli nella quale ha espresso la sua volontà di escludere due consiglieri (eletti nella sua lista) dalla maggioranza, la fuoriuscita del consigliere Giudici da Forza Italia, le voci relative ad un imminente rimpasto della giunta.
Tutte queste vicende, seppure distinte e apparentemente distanti, vanno analizzate e gestite in un unico momento e su di un unico tavolo: quello
della coalizione di centro destra; e attraverso l’unico metodo di analisi possibile: quella politica. Noi riteniamo possibile, nonché utile, offrirne una lettura organica.
Ciò sarà facilitato da un indispensabile passo indietro di tutti gli attori istituzionali: un gesto che sgombri il campo dai falsi catastrofismi del centro sinistra, che riconosca ai partiti di centro destra la dignità e la capacità governativa che ben conosciamo, e che riconduca ogni figura istituzionale all?interno del proprio ruolo.
Il prezioso lavoro svolto dal mio vice, Nazzareno Pompei, in questi giorni (del quale ho naturalmente respinto con forza le dimissioni) va continuato
e rafforzato: aggiustare la macchina amministrativa attraverso un processo di costante riferimento ai partiti. Quegli stessi partiti, quei simboli sulla scheda elettorale che, esattamente due anni fa, i cittadini hanno voluto protagonisti delle scelte politiche di San Benedetto del Tronto e che hanno contribuito in maniera determinante alla vittoria del centro destra.
I Congressi dei partiti di centro destra, a differenza dell’ultimo dei DS ad esempio, hanno espresso tutte candidature unitarie, evidenziando maturità e convergenza delle linee politiche negli stessi.
Riteniamo, pertanto, che le secolari peculiarità della Politica (ovvero il dialogo, la mediazione, il confronto), che trovano terreno fertile nei partiti, consegnino proprio a questi ultimi il compito di coadiuvare un’azione amministrativa innovatrice per una città che deve essere proiettata nel futuro.
Di più: riteniamo che tali circostanze offrano una preziosa opportunità alla Casa delle Libertà: quella di rigenerare il forte spirito di intesa e di capacità propositiva di tutta la maggioranza (anche dei due consiglieri frettolosamente esclusi) a sostegno del nostro sindaco Domenico Martinelli per tre anni di governo forte e vincente.”
Paolo Forlì
Coordinatore Forza Italia

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 241 volte, 1 oggi)