PARDINI 10: è un voto altissimo ma forse non sufficientemente congruo alla sua impresa. Nell’ultima mezz’ora para tutto, fenomenali i suoi interventi sui tiri di Palladini, Giampaolo e Cecchini.

PEDOTTI 7: concreto, determinato, contiene molto bene Giampaolo fin quando gioca dalle sue parti. Un jolly difensivo da utilizzare con intelligenza.

MANNI 7: si fa sorprendere solo una volta, sul tiro di Apa che termina sul palo. Per il resto tiene la sua porzione di campo con tanta grinta e concentrazione.

DELVECCHIO 6,5: non è al massimo e si vede, ma finché tiene botta la Samb riesce a mantenere un dominio territoriale abbastanza netto. In debito d’ossigeno nel finale, quando Palladini e compagni dominano il centrocampo.

FRANCHI 7: pulito, essenziale, sbaglia poco o nulla, pensando sempre, come prima cosa, di spazzare via il pallone dalla zona difensiva.

COTTINI 7,5: il leone della difesa, fa valere il suo peso e i suoi centimetri e si batte con un ardore incredibile. Per un anno in tribuna, dimostra di essere un giocatore vero e sfrutta al meglio l’occasione.

TEODORANI 8: grande dinamismo per settanta minuti, condito dal prezioso gol che lo fa scatenare, a petto nudo, sotto la curva rossoblu. Intelligente, agile e mobile, soffre però nell’ultimo quarto d’ora per colpa dei crampi. Forza Teo!

NAPOLIONI 7: ottimo nel primo tempo, quando si cala nella veste di “pitbull? rossoblu e disarciona palloni su palloni dai piedi di Perra, Giampaolo e Palladini. Anche lui con il fiato corto nel finale: è importante prepararsi al meglio dal punto di vista atletico durante la settimana.

TURCHI 5: ha sui piedi l’occasione per riscattare la stagione, ma calcia male il rigore e poi perde la giusta concentrazione. Peccato per Juan che potrà essere una risorsa importante della squadra.

FANESI 7: grande avvio di partita, scompagina la difesa del Pescara e si procura un rigore. Continua a combattere finché ne ha in corpo.

DE AMICIS 6,5: partita più di contenimento che di offesa, dimostra comunque un’ottima conoscenza della tattica della squadra rossoblu. Pericoloso su un paio di punizioni.

SONCIN 7: non prende bene la panchina ed entra schiumando rabbia positiva. Manda in bambola la difesa pescarese e fa venire il mal di testa anche al portiere Santarelli. All’Adriatico con questa tensione!

KANJENGELE 6: non ha grande intesa con Soncin, non avendoci mai giocato assieme. Peccato, perché alcuni contropiedi andavano sfruttati meglio.

FILIPPI ng: pochi minuti al posto di Del vecchio.

MATRICCIANI-COLANTUONO 7,5: ci aspettavamo questa partita da parte della Samb, che può e sa battere il Pescara solo con una tensione agonistica massima e il rispetto totale degli schemi del 4-4-2. La difficoltà degli ultimi minuti è dovuta in massima parte alle cattive condizioni fisiche di Delvecchio, Teodorani e Napoleoni, e su questo bisognerà lavorare in settimana. Ottima l’intuizione di Cottini centrale e Pedotti terzino, un po’ meno quella di Turchi anche se la prova dell’argentino è stata determinata dal rigore sbagliato.

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 145 volte, 1 oggi)