Per garantire l’ordine pubblico, dopo i fatti di Pescara-Samb, la città assomiglierà molto a Genova durante il G8 del 2001, con tanto di “zona rossa” attorno allo stadio “Riviera delle Palme”, questa volta accessibile solo a piedi.

Nessuno però pensa a tanti tifosi, soprattutto anziani, che hanno problemi ad andare in bicicletta, o a piedi, per distanze consistenti. Va bene la chiusura al traffico e l’uso di mezzi ecologici, tra l’altro più rapidi nelle medie distanze, ma sarebbe il caso di garantire un servizio di bus navetta che colleghi i principali punti di partenza dei tifosi con lo stadio. Ad Ancona e in moltissime altre città ciò avviene spesso, e non soltanto in partite di grande afflusso: un autobus può trasportare passeggeri per cinquanta automobili, con indubbi benefici per il traffico caotico che osserviamo ogni domenica.

C’è ancora tempo per organizzare questo servizio per la prossima domenica, se non si vuole rischiare di bloccare, causa traffico e ricerca di parcheggi, il lungomare e le strade adiacenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 85 volte, 1 oggi)