Caro direttore, colgo l’occasione per complimentarmi con Lei per l’articolo

Un “Sambodromo come mai prima? per cancellare 14 anni di inferno

Sono un tifoso , per così dire, in trasferta, uno dei tanti a condividere la Passione per la Samb con l’ostacolo dei chilometri…… Torino non è poi così lontana! Le garantisco che la nostra Squadra non sarà mai sola qui: non mi sento una mosca bianca anzi, in me sale l’orgoglio di chi deve soffrire per conquistare qualcosa di importante, nella vita come nello sport: me lo lasci dire, saranno stati 14 anni di “inferno” ma, forse, sono stati tra i più belli della nostra storia!

Il 25 maggio sarò lì, al Riviera con la mia bandiera e l’orgoglio di chi potrà dire, nel bene e nel male, “Io c’ero”.Dovrà essere una giornata di passione e di tifo indimenticabile: ci sarà anche il mio bambino di 9 anni, anche se è tifoso del Milan, non vede l’ora di toccare con mano lo spettacolo del nostro Tifo, di cui sente sempre parlare e vede le magnifiche foto pubblicate. Speriamo sia di solo tifo spettacolare! Ho voglia di piangere le stesse lacrime di Parma!

Grazie ancora per tutto quello che fate per la Samb e per tutti quelli che, come, sono costretti a seguire la squadra da lontano.Mi perdoni lo sfogo, ma sono troppo felice!

Un saluto affettuoso a tutta la redazione, in special modo a Pier Paolo Flammini

Luca Monticone

“Impara dagli errori fatti dagli altri. Non vivrai mai abbastanza per farli tutti da solo. ”

Ringraziamo vivamente Luca per i complimenti, e speriamo che il prossimo 25 maggio sia una giornata bella e da ricordare. Tra l’altro Luca è un piemontese “doc” da almeno tre generazioni. Crediamo che valga la pena raccontare la sua avventura attraverso le sue parole: «sono un tifoso acquisito, dopo una vacanza in riviera di almeno 30 anni fa’, dove avevo assistito ad una gara di Coppa Italia. Da allora sono tornato molte altre volte, specie per vedere la Samb. Ho avuto la fortuna di conoscere, durante il servizio militare, un sambenedettese doc, Saverio Rosini – al tempo giocatore della Samb-Rugby, che mi ha fatto entrare più volte nella magica curva e incontrare molti appassionati: come si fa a non innamorarsi di una “curva” così, dopo averla “vissuta” anche una sola volta?»

Luca Monticone chiede anche di abbracciare, a nome suo, la squadra e i tifosi. Crediamo che far leggere le sue parole sia il modo migliore per farlo!

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 93 volte, 1 oggi)