Progetto Stadio, intervista all’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Poli

Progetto Stadio ancora in attesa di giudizio. L’Amministrazione comunale sta valutando attentamente le ambiziose proposte d’intervento sul ‘Riviera delle Palme’ senza condizionamenti di sorta e con uno sguardo particolare all’opinione espressa dai cittadini. È quanto afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Poli (nella foto) nell’intervista rilasciata al nostro giornale. Come noto, due progetti si contendono l’assegnazione dei lavori per la ristrutturazione dell’impianto di Viale dello Sport: il primo è stato presentato da un’Associazione Temporanea di Imprese guidata dalla Beani Costruzioni di Comunanza e prevede la realizzazione di fronte al ‘Riviera delle Palme’ di un edificio in vetro e acciaio a tre piani, il secondo ha come attore protagonista il patron rossoblu Luciano Gaucci, che ha lanciato a tempo di record la propria candidatura per lo gestione dello stadio. Il progetto-lampo del presidente punta alla copertura dell’impianto e alla sua trasformazione in una struttura polifunzionale (multisala in curva nord, cinema, sala congressi, discoteca).

Assessore Poli, ci sono novità in merito al project financing per lo stadio?

“Nulla è stato ancora deciso. L’Amministrazione sta valutando obiettivamente le proposte per la gestione e la messa a norma del Riviera delle Palme. Per la verità, il progetto prospettato da Gaucci non può essere definito ancora tale, considerato che al momento non sono stati individuati nei dettagli né modalità né gli interventi di spesa. Insomma, il piano di gestione presentato dal patron rossoblu è ancora in fase di elaborazione?.

Il project dei Gaucci avrà una ‘corsia preferenziale’, in forza dell’opinione favorevole della cittadinanza?

“Ripeto che l’Amministrazione farà di tutto per valutare in piena autonomia ed con la massima obiettività la fattibilità dei progetti per lo stadio. È ovvio che dovremo tenere in considerazione il parere dei cittadini sambenedettesi, coinvolti direttamente in una scelta così importante: insomma, se la cittadinanza si esprimerà unanimemente a favore della proposta della Samb Calcio sarà nostro preciso dovere rispettare quest’orientamento?

Quali sono i punti a favore del progetto Gaucci rispetto alla proposta della Ati Beani?

“Penso siano due proposte valide, molto diverse tra loro, meritevoli di un’attenta verifica dal punto di vista tecnico e amministrativo. Il progetto della ditta Ati Beani si differenzia notevolmente dall’intervento prospettato dai Gaucci, poiché prevede la messa a norma dello stadio per la serie B, mentre quello della proprietà della Samb contempla la messa a norma Uefa e punta alla gestione dello stadio per novantanove anni. Ma, al di là di questi dati, è davvero troppo prematuro esprimere oggi un parere definitivo, dal momento che dovremo vagliare in primo luogo la fattibilità dei progetti?.

La ‘fulminea’ proposta del patron rossoblu rallenterà l’iter politico-amministrativo del progetto-stadio?

“Credo che sulla questione in esame sia opportuno compiere tutti i passi necessari per un pieno coinvolgimento della cittadinanza e delle forze politiche. Certo, l’iter amministrativo richiederà tempi lunghi, ma ci siamo già attivati in tal senso: gli uffici Assetto del Territorio e Lavori Pubblici si occuperanno della verifica dei progetti sul piano tecnico. Sul piano politico riteniamo sia indispensabile un’ampia convergenza di tutte le forze politiche, opposizione compresa; perciò, dopo che le Commissioni consiliari competenti avranno esaminato le proposte, sarà convocato un consiglio comunale ‘aperto’ per portare a conoscenza dei cittadini i progetti per la gestione dello stadio?.

Le dichiarazioni dell’Assessore non lasciano spazio a dubbi: tutto è ancora ‘in ebollizione’. Ci preme solo sottolineare che questo è un momento decisivo per la soluzione definitiva del problema-stadio.

L’Amministrazione comunale ora è chiamata operare una scelta cruciale per il futuro della città: ci auguriamo che ciò avvenga con la massima obiettività e serenità, come promette l’Assessore Poli. Certo, la cittadinanza, solleticata da possibili (e plausibili) glorie future per la Samb prospettate dall’uragano Gaucci, sembra aver già emesso una sentenza inappellabile: il progetto del patron rossoblu deve spuntarla.

DM

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 137 volte, 1 oggi)