Il parere dei presidenti dei Comitati di quartiere vicini allo stadiodi Anna Stefania Mezzina

Project sullo stadio Riviera delle Palme. All’Ati Beani Costruzioni, alla famiglia Gaucci? Cosa ne pensano i confinanti alla zona dellostadio? I quartieri Marina di Sotto, Ragnola e Europa.

ANDREA CHIAPPINI

MARINA DI SOTTO

“Lo stadio Riviera della Palme da anni necessita di essere messo a norma e se l’amministrazione pubblica non ha le risorse necessarie, ben vengano i project financing. San Benedetto à una città in espansione, che certamente dal punto di vista economico e turistico riceverebbe notevoli vantaggi da un potenziamento dello stadio, che così potrebbe ospitare competizioni sportive di rilievo oltre a quelle della nostra amata Samb. Certo, prima di pensare a qualsiasi costruzione nelle prossimità dello stadio, occorre tenere sempre in primo piano la sicurezza, l’ordine pubblico e i parcheggi, che rappresentano punti essenziali durante le manifestazioni sportive di rilievo. Sulla proposta del patron Luciano Gaucci occorre fare accurate riflessioni. San Benedetto necessita di alberghi qualificati, anche per far crescere un certo tipo di turismo, e la proposta di realizzare una struttura a cinque stelle con discoteca, multisala e quant’altro fa gola, anche perché potrebbe portare ad un incremento occupazionale, ma dobbiamo tenere sempre presente la fattibilità di tale realizzazione, che a mio parere deve essere inserita in modo tale da non appesantire troppo lo scenario urbanistico attuale, caratterizzato da ampi spazi, ma questo lo dovranno valutare i tecnici addetti ai lavori. Occorre però non farci prendere troppo dalla fretta e magari aspettare altre proposte di imprenditori, per valutare al meglio ciò che per la nostra città sia la soluzione migliore”.

LUCIA MARINANGELI

QUARTIERE EUROPA

“Sono favorevole ai Project financing, che favoriscono i progetti tra pubblico e privato, ovviamente sempre nel rispetto delle parti. Non posso essere precisa in merito ai progetti specifici, riguardanti lo stadio Riviera delle Palme, perché non ne ho preso visione, non essendo stata contattata a riguardo”.

LEO CAPECCI

QUARTIERE RAGNOLA

“Al momento non abbiamo dati sicuri ed elementi su cui valutare l’operazione. Quello che è sicuro è che la struttura va messa a norma e rimodernata. Il Comune non ha i fondi e le risorse per poterlo fare. Per cui il Project financing è sicuramente la formula giusta, a patto che si ricordi sempre che lo stadio Riviera delle Palme è stato costruito con il denaro del cittadino sambenedettese. Che il privato che investe ha diritto di avere il vantaggio di ottenere un tornaconto è sicuro, ma i sambenedettesi hanno il diritto di poter usufruire il più possibile della struttura. Tutti parlano del progetto di Gaucci come quello di un “benefattore”. Gaucci è un imprenditore con i suoi scopi precisi, per questo ogni decisione deve essere ponderata molto bene, senza lasciarsi prendere dall’euforia della Samb che vince (ossia, senza dimenticarci la vicenda Agnello).

Ci dobbiamo in ogni modo augurare che ogni decisione di Project sia presa con l’avallo da parte di tutte le forze politiche e sociali”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 97 volte, 1 oggi)