L’iniziativa rientra nel processo di Agenda 21 Locale, al quale, a seguito della presentazione di un progetto al Ministero dell’Ambiente da parte di San Benedetto del Tronto, comune capofila, Grottammare ha aderito in rete con i comuni di Cupra Marittima, Monteprandone e Ripatransone. Il progetto è stato l’unico premiato della Regione Marche e, avviato nel gennaio 2002, terminerà nel luglio 2003: a questo primo incontro illustrativo seguiranno quelli che riguarderanno gli altri quattro comuni coinvolti in Agenda 21 Locale; dalla prossima estate saranno distribuite brochure, libri e Cd-Rom contenenti i volumi prodotti.
La conoscenza della realtà locale implicherà che tutte le future politiche si dovranno misurare con il tema della sostenibilità locale: argomento che in passato (si guardi al depauperamento della risorsa ittica), non è stato preso in considerazione dagli amministratori, con conseguente crisi ambientale ed economica.
L’esperienza del lavoro dei cinque comuni (presto potrebbero divenire sette con l’ingresso di Acquaviva Picena e Monsampolo del Tronto) è utile sia nell’indirizzare l’azione amministrativa verso le tematiche dello sviluppo sostenibile, sia nel facilitare un’azione coordinata fra i vari enti locali, le cui iniziative a volte sono frammentate e in contrasto, pur perseguendo obiettivi simili.
Per chi volesse saperne di più, è disponibile un sito internet di Agenda 21 Locale collegandosi alle pagine del Comune di San Benedetto del Tronto e di Grottammare (ad esempio www.comune.san-benedetto-del-tronto.ap.it).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 277 volte, 1 oggi)