“Il linguaggio di Santi è comprensibile – scrive Alberto Perozzi nella presentazione della mostra – perché non pretende di impartire lezioni, di scoprire nuove prospettive. Affida alla tela e ai colori il messaggio di un uomo che conosce la gente, il mare, le colline ma anche l’anima e il cuore di tutti noi. Ci prende per mano con il tacito invito a seguirlo nella semplice, pacata rivisitazione di alcuni aspetti significativi della nostra città, ricca di scorci più volte raffigurati come le barche che riesce ogni volta a riproporre con rinnovata suggestione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 118 volte, 1 oggi)