Si temeva l'”effetto sorpasso”: invece il Crotone non è riuscito a vincere a Sora (0-0), mentre l’altra rivale per un posto ai play-off, il Lanciano, ha pareggiato per 1-1 nell’incontro casalingo contro il Benevento: gli abruzzesi hanno rischiato una sconfitta che li avrebbe definitivamente esclusi da qualsiasi ambizione, ma sotto di un gol e in nove contro dieci uomini sono riusciti ad acciuffare il pari con un gol di Gennari giunto al 95° minuto!

In testa, goleade del Martina (5-2 alla Fermana) e del Pescara (3-5 a Sassari), mentre il Teramo, sconfitto per 1-0 a Chieti, retrocede in quarta posizione. Determinante, per i giochi di testa, sarà la partita di stasera di Avellino: al momento gli irpini restano primi con 56 punti, segue il Martina a 55, il Pescara a 54, il Teramo a 52, Samb e Crotone a 46, il Lanciano a 42 (da non sottovalutare la posizione del Taranto, che continua a vincere – ieri 1-2 a Pesaro – e che si trova a 38 punti, ma con una partita da recuperare).

Stasera, dunque, Avellino e Samb si giocano una fetta importantissima del loro campionato. Gli irpini vorranno vincere per non permettere a Martina e al Pescara di reintrodursi nella lotta per la prima posizione; la Samb sente sul collo il “fiato” del Crotone. Un pareggio ad Avellino non sarebbe da disprezzare (i biancoverdi campani hanno vinto 12 delle 14 gare interne), anche se sarebbe un risultato che allungherebbe la sequenza di giornate senza vittoria (ora 7).

Ad Avellino ci si aspetta un pubblico record per la C1 (si prevedono quasi ventimila spettatori). Il momento negativo della squadra e il posticipo in un giorno feriale hanno frenato il flusso di tifosi sambenedettesi, che comunque non saranno meno di trecento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 221 volte, 1 oggi)