Ci siamo. Gli scontri diretti iniziano a pesare sulle spalle delle formazioni in lotta per lo stesso obbiettivo, promozione o retrocessione che sia. Mancano cinque giornate alla fine del campionato e se prima i punti erano platino ora sono oro. Un oro talmente prezioso e così sfavillante da accecare gli avversari impedendo loro di conquistare i tre punti in palio. Lo sanno bene i ragazzi di Alesiani. Dovranno essere così bravi e così attenti da annusare prima ed ipotecare poi, la vittoria. Mai come in questo periodo vige il divieto di sbagliare. Un insuccesso potrebbe arrecare un danno (più o meno lieve) psicologico, innanzi tutto. Al contrario, un successo caricherebbe il Porto d’Ascoli della giusta tensione agonistica per lo sprint finale. Un passo falso sarebbe, quindi, inopportuno proprio adesso che la squadra è entrata nei meccanismi di gioco. Basti pensare al risultato positivo ottenuto contro il Falerone. Non è stata una partita dalle mille emozioni, vuoi le pessime condizioni atmosferiche (freddo, bora e a tratti raffiche di neve) vuoi il recupero a tempi di record di influenzati e indisponibili. Come si dice in gergo calcistico, gara scialba che poteva essere risolta da un episodio. L’episodio c’è stato, né calcio di rigore né punizione. Bensì una rapida, vogliosa e voluta incursione in area di Nespeca che ha scaricato un perfetto diagonale rasoterra dove Paci non poteva arrivare. Sembra quasi un caso. L’uomo partita torna titolare e va in gol, era a digiuno dal diciassette novembre quando segnò il pareggio proprio contro la squadra di Viti (era la decima di andata). Alesiani può contare su un Nespeca in più e sul recupero di pedine importanti assenti o quasi in queste due ultime gare per problemi sopra citati. Dopo l’Azzurra Colli, il Porto d’Ascoli andrà fra due settimane anche a casa del Petritoli, altro pretendente per il quinto posto, e l’ultima se la vedrà con la Spinetolese. Sul proprio terreno ospiterà la Grottese (ultima) e la Rivierasamb, la prima che lotterà per sperare nei play out, la seconda per raggiungere una posizione di classifica tranquilla.

AVVERSARIO: l’Azzurra Colli si trova sesta (quaranta punti) ad un sol punto di distanza dal Porto d’Ascoli (quarantuno punti) e a due dal Petritoli che è a quota trent’otto. Gli avversari hanno totalizzato dodici vittorie, di cui sette casalinghe e cinque esterne. Nove le sconfitte, quattro sul proprio terreno di gioco e una in più fuori. Un sol pareggio in casa e tre lontano dalle mura amiche. Quello che può preoccupare la difesa bianco-celeste sono le trentasette reti complessive segnate, solo ventiquattro sul proprio campo sportivo. Se ciò desta perplessità, c’è un’ altro dato che può rallegrare mister Alesiani e i suoi ragazzi. In casa hanno subito sedici reti, ci sono molte chance per Brandimarte e company di violare la porta avversaria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 114 volte, 1 oggi)