Samb-Chieti sarà lo snodo fondamentale dell’attuale campionato della Samb. Se i rossoblù non riusciranno a battere i teatini (reduci da un sonante 0-3 casalingo), la crisi di risultati della Samb potrebbe assumere aspetti preoccupanti. Con un occhio rivolto al risultato di Crotone-Lanciano, le due inseguitrici (mai pareggio sarebbe più bene accolto), bisogna anche prevedere cosa potrà accadere al termine di Samb-Chieti: un risultato non positivo getterebbe la Samb in una crisi tecnica notevole, con notevoli ripercussioni anche sulla tifoseria che, fin qui e al di là di qualche malumore, è stata vicinissima alla squadra.

I motivi della crisi della Samb sono tecnici e mentali. Finché il centrocampo ha retto, dimostrandosi per mesi il migliore del girone, la difesa era coperta benissimo (ricordiamo che la Samb, in media, subiva a malapena un tiro a partita, mentre ultimamente si prendono gol incredibili), e la circolazione veloce del pallone permetteva alle due ali di giungere con facilità al cross. Anche se…anche se in diverse partite casalinghe la Samb non riusciva a superare quelle squadre che si chiudevano nella propria area di rigore (lo stesso è accaduto contro la Torres e nel secondo tempo di Pesaro).

E qui ci vorrebbe un po’ di coraggio da parte dei tecnici: aspettando Criniti, un giocatore che può subentrare a partita iniziale per variare lo schema del 4-4-2 quando questo non sortisce effetti offensivi, bisogna cercare una soluzione momentanea. Nei finali di gara la Samb potrebbe, quando necessario, adottare il modulo a tre punte, con Kanjengele schierato come attaccante e non come centrocampista di fascia (e magari inserito prima del 91°…). Oppure, addirittura, schierare zacchei come ala pura, mantenendo il centrocampo a quattro. Sono queste le soluzioni a disposizione in attesa di Criniti (a quel punto, e sempre in scorci di gara, le alternative sarebbero diverse): da vagliare attentamente perché il Chieti potrebbe riproporre, in caso di risultato di parità, un altro “bunker difensivo? che fin’ora ha sempre creato problemi alla Samb.

Insomma, con il Chieti la Samb si gioca una buona fetta di campionato e di credibilità: per questo invitiamo tutti i veri tifosi della Samb a incitare la squadra fino all’ultimo minuto, perché questo non è il momento dei processi ma di compiere uno sforzo che potrebbe sbloccare mentalmente la squadra (che, comunque, ha perso in una sola occasione negli ultimi diciotto incontri).

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 81 volte, 1 oggi)