L’insuccesso poteva essere prevedibile. Il Porto d’Ascoli, in settimana, si è visto scivolare tante tegole addosso che porre rimedio non è stato sufficiente. Cinque juniores in panchina e tanti indisponibili tra mali di stagione e malanni fisici a partire dal portiere Vallorani per proseguire con Giorgini, Di Buò, Marconi S, Gregori e chiudere con Alfonsi. È stato un bel problema, poi se l’avversario si chiamava Campiglione (secondo in classifica) tutto era più difficile. Dubbi e incertezze hanno vagato nella mente del mister per quale formazione far scendere in campo. Poi la novità di affidare il reparto più nevralgico ai giovani, Pizi e Straccia sulle fasce per dare spinta con cross e assist. Voltattorni affiancato da Gaetani per impostare la manovra e dare equilibrio alle parti. La gara era iniziata bene, nessun timore di fare brutta figura. Anzi, questa situazione li investiva sì di responsabilità, ma li caricava agonisticamente. Tuttavia se la legge del calcio non fosse così spietata, ora staremmo raccontando di un’altra partita. Un contropiede di Viscioni dava la possibilità a Brandimarte di mettere in rete, il sole contro gli impediva di prendere al meglio le misure. Gol mangiato, gol subito. Due minuti più tardi e Vallesi F, portava in vantaggio il Campiglione. Ad inizio ripresa Raffaeli raddoppiava il risultato. Il Porto d’Ascoli si è visto costretto ad inseguire senza mai perdere la testa. Questo è stato un punto a favore dei bianco-celesti anche se nella classifica generale non conta. Rimanere lucidi e continuare a lottare per rimontare almeno una rete, è stato l’obbiettivo finale. In questa giornata storta, è arrivata una buona notizia: l’Azzurra Colli ha perso ergo il Porto d’Ascoli rimane in zona play-off.

Sabato arriva al campo sportivo “Ciarrocchi?, la Folgore Falerone. Mister Alesiani può contare sul recupero di pedine importanti, quali Marconi S (scontato il turno di squalifica). Il Porto d’Ascoli, in casa, si conferma squadra ostica per tutte le formazioni che cercano di stuzzicarla. Una sola volta ha ceduto ed era con la Ripa alla settima di andata. Da allora sette centri casalinghi e quattro pareggi. La Folgore, occupa l’ottava posizione con trenta punti. Fuori solo tre le vittorie a pari merito con i pareggi. Ben sei le sconfitte con undici gol segnati e dodici subiti. In trasferta, hanno perso con un pesante punteggio alla undicesima di andata contro l’Azzurra Tirassegno per tre a due; mentre hanno vinto con un largo risultato alla nona giornata contro la Spinetolese per tre a zero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 129 volte, 1 oggi)