La Tecno Riviera delle Palme C/5 pareggia in quel di Recanati contro l’Helvia Recina e perde il primato in classifica ai danni dei rivali del Castelbellino, vittoriosi all’ultimo minuto contro l’Osimo; ma ha molto da recriminare. Non tanto per il gioco espresso e per le assenze pesanti in casa sambenedettese, ma quanto per l’arbitraggio a dir poco irritante.
I rivieraschi dovevano sopperire in sol colpo alle assenze improvvise di Palladini, Pompili, Pallotta, Candellori ed Olivieri. Tuttavia, chi è sceso in campo ha ben figurato ed il pareggio è stato frutto in gran parte da evidenti svarioni arbitrali che si sono ritorti contro i rosso-blu!
In ogni modo, gara subito in salita per la Tecno che subiva la veemente partenza dei padroni di casa: ci pensava Palumbo, con delle belle parate, a negare la capitolazione. Tuttavia, verso la metà del primo tempo, i sambenedettesi subivano la rete dei recanatesi. Grossi e compagni non si abbattevano e con grande determinazione ribaltavano la situazione con un gran goal di Aureli prima, e con Spina poi, ben assistito da Di Battista. I rosso-blu avrebbero anche potuto chiudere la gara, ma delle sconclusionate decisioni arbitrali, oltre ad innervosire i rivieraschi, facevano sì che la prima frazione di gioco si chiudesse sull’1-2. Nella ripresa le due giacchette nere completavano il loro capolavoro: su un attacco della Tecno, Grossi Leonardo veniva platealmente steso, con evidente perdita della sfera a favore dei padroni di casa che in contropiede pareggiavano sotto gli occhi esterrefatti di tutti, anche degli stessi recanatesi che si aspettavano il fischio per l’evidente fallo. Non paghi di ciò, il duo arbitrale si rendeva colpevole di altri misfatti: negava un evidente rigore ai sambenedettesi per fallo su Aureli che in piena area di rigore veniva spogliato, buttato a terra ed anche calpestato da due avversari. Per non parlare di un altro evidente fallo all’ultimo minuto su Grossi Arcangelo, non sanzionato, che avrebbe portato al tiro libero, e di tante altre situazioni poco chiare. A fine gara, alta la tensione…a farne le conseguenze Grossi L., espulso a gara terminata…la chicca finale!
Evidentemente, a qualcuno, il primo posto dei sambenedettesi non andava giù… Pesanti a fine gara le parole del capitano Grossi Arcangelo: “Vero che una squadra che vuole vincere il campionato deve essere superiore a tutto e contro tutti, ma oggi era impossibile: le decisione del duo arbitrale non hanno fatto che avallare il gioco duro dei padroni di casa, sorvolando su evidenti azioni fallose che non potevano non essere sanzionate!! Mi viene la voglia di smettere… Se qualcun altro merita di vincere il campionato va bene, ma sul campo!!?.
Venerdì (14 Marzo, ore 21,45 – palasport Speca) i sambenedettesi sono chiamati al pronto riscatto casalingo contro il San Carlo Ancona.

Formazione scesa in campo: Palumbo, Spina, Paci, Aureli, Grossi L., Camaioni, Grossi A., Di Battista, Libbi. All: Cocco.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 82 volte, 1 oggi)